Girone HSerie DVN Calcio

Serie D girone H – Il Foggia fa festa, travolta la Gelbison

Un secco 3-0 mette in gran difficoltà i rossoblu ora a un passo dalla griglia playout

Allo stadio Zaccheria di Foggia sono i rossoneri a portarsi a casa l’intera posta in palio per tenere viva la lotta al vertice con il Bitonto. Un secco 3-0 rifilato alla Gelbison mette in gran difficoltà i rossoblu ora a un passo dalla griglia playout. La gara è subito viva, si parte con due angoli pericolosi: sugli sviluppi del primo la rovesciata di Tortori mette paura ma non inquadra lo specchio della porta, sulla seconda battuta la testa di Carboni impensierire ma non colpisce. Poco importa per i pugliesi: al 9’ arriverà il vantaggio con Staiano che dopo il goal con il Grumentum punisce anche la Gelbison. Lo show del Foggia continua: contropiede verso l’area, Gentili cade a terra regolarmente per l’arbitro ma è Tortori a sciupare per due volte l’appuntamento con il pallone spedendo troppo alto. Prima della mezz’ora arriva anche il raddoppio sugli sviluppi di una punzione di Cittadino. Il tocco fortunoso di Cadili è vincente, cala notte fonda per la Gelbison. La prima parata dei locali arriva sul colpo di testa giunto su palla inattiva in favore della Gelbison ma il parziale resta inchiodato sul 2-0. Il Foggia potrebbe triplicare ma il goal di Tortori viene annullato per la posizione in fuorigioco dell’attaccante. Potrebbe approfittarne Varella poi in contropiede sull’errore della difesa foggiana ma ancora una volta Fumagalli ipnotizza il centravanti mandando in fumo la chance rossoblu. Goal mangiato, goal subito: prima del duplice fischio arriva il 3-0 che chiude il risultato. Ancora una volta l’estremo difensore rossoblu tocca ma non basta con la sfera calciata da Russo che termina oltre la linea.
Nella ripresa cambia poco o nulla. Sarà sempre il Foggia a spingere per il poker. La Gelbison invece al triplice fischio rientra a casa con l’amaro in bocca e la consapevolezza maturata di una classifica difficile ora da risollevare. La griglia playout è lontana una sola lunghezza.

Tags

Nicola D'Ambrosio

Giornalista, laureato in giurisprudenza e calciofilo per natura. Beppe Viola e Gianni Brera i miei modelli :)

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close