Girone HSerie DVN Calcio

Serie D – Girone H, 11^giornata: Picerno prova la fuga

Campane alla prova del nove, sfida salvezza tra Pomigliano ed Ercolanese

Fuga doveva essere e fuga c’è stata, ne scappa però soltanto una. Il Picerno si gode il sole lì sulla vetta della classifica del girone H di serie D, in attesa della partita che il Taranto dovrà recuperare col Fasano. Occhio però ai postumi del turno infrasettimanale: con fatica accumulata e gambe pesanti chissà che questa tornata non regali inaspettate sorprese e rendere ulteriormente avvincente il raggruppamento, con distanze ravvicinatissime tra le varie contenders.

Per l’11esima giornata, i lucani ospiteranno tra le mura amiche del “Curcio” la sorpresa-Sarnese: sfida ostica per la capolista, con gli uomini di Cusano che, nonostante la sconfitta nell’infrasettimanale con i cugini del Savoia, stanno attraversando un ottimo periodo di forma; chissà che i granata non possano tendere lo sgambetto alla capolista.

Vita non facile nemmeno per i tarantini, che attendono a domicilio la Gelbison: dopo la grande partenza, i ragazzi di De Felice mercoledì sono stati capaci di fermare in casa proprio la prima della classe; ora la dura sfida dello “Iacovone”, dove i tarantini hanno raccolto 10 dei loro 18 punti in classifica.

Voglioso di riscatto il Cerignola: dopo lo stop in trasferta con il Fasano, i gialloblù cercheranno di rialzarsi subito nella sfida interna contro il Gravina, match abbordabile sulla carta, specie considerato che gli ospiti non hanno mai vinto contro nessuna squadra della prima metà di classifica.

Per le altre squadre campane, occhi puntati sulla sfida tra Savoia e Andria e soprattutto sul derby salvezza tra Pomigliano ed Ercolanese.

Il Savoia, grazie ai due derby vinti contro Nola e Sarnese, è riuscita ad issarsi in classifica e a portarsi in zona play-off, ad una sola lunghezza proprio dai leoncini pugliesi: l’occasione interna contro gli andresi potrebbe segnare il sorpasso in classifica. Per Potenza molte assenze, con il mister biancazzurro costretto ancora a riunciare a Iannini, Paparusso, Bozic e Porcaro, tutti fermi ai box.

Nel derby campano, invece, c’è in palio un’importante fetta di campionato: chi vince potrebbe riuscire a ripartire e mettersi in coda al treno di pretendenti per la permanenza in D. Settimana di confusione in casa Ercolanese, che ha portato alle dimissioni del presidente Giovanni Russo e all’azzeramento da parte dell’amministratore unico Gaetano Battiloro di tutte le cariche societarie, ora in attesa di rimodulazione. Nel confermare fiducia ad Antonio Maschio, però, Battiloro ha voluto lanciare un messaggio alla squadra sospendendo gli allenamenti al “Solaro” ed indirizzando i tesserati verso una sorta di “ritiro” in un’altra struttura sportiva.

Altre due sfide importanti in chiave salvezza saranno Sorrento-Francavilla e Gragnano-Altamura.

Per i costieri, missione tre punti contro una diretta concorrente: bisogna ripartire dalle due vittorie consecutive centrate prima dello stop di Nardò, specie considerando che una vittoria significherebbe mettere la freccia proprio sul Francavilla e mettersi in una posizione di classifica più tranquilla.

Il Gragnano, dopo la vittoria di mercoledì, guarda all’incontro con l’Altamura con minor preoccupazione, conscio della forza dell’avversario, che nonostante l’opaco periodo di forma ha uno dei migliori organici del girone. Il buon pareggio centrato con il Taranto ha aperto nel migliore dei modi la gestione Dibenedetto, ora a caccia dei primi tre punti sulla panchina biancorossa.

Chiuderanno la giornata la sfida d’alta classifica tra Bitonto e Nardò, altra rivelazione di questo girone H, e l’importante sfida tra Nola e Fasano.

Tags

Articoli correlati

Close
Close