Cronaca

Scafati – Dia in Comune, indagati Paolino e Aliberti

Associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, concussione, corruzione e abuso d’ufficio. Sono i capi d’accusa che a vario titolo, hanno coinvolto il consigliere regionale Monica Paolino, il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti, la segretaria generale del comune, e una società operante nel settore della consulenza aziendale e sicurezza dei luoghi di lavoro, di cui è amministratore unico il fratello del sindaco.

A Scafati, Napoli e Aversa i carabinieri del reparto di Nocera Inferiore e il personale della Dia salernitana, hanno eseguito un decreto di perquisizione emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, nei confronti dei cinque indagati. Perquisita anche la casa del primo cittadino Aliberti, mentre presso il Comune sarebbe stata sequestrata documentazione relativa all’aggiudicazione di appalti pubblici, tra cui quello relativo alla realizzazione del polo scolastico comunale, dell’importo di circa 6 milioni di euro, al conferimento di incarichi a tempo determinato ai dirigenti dell’Ente e alle determine inerenti i lavori di riqualificazione urbanistica e stradale.

L’azione di questa mattina sarebbe avvenuta nell’ambito di un’inchiesta avviata nel 2014 a seguito dell’esplosione di un ordigno rudimentale avvenuta a Scafati il 1 novembre, davanti all’abitazione di alcuni parenti del consigliere D’alessandro, indagini che avrebbero permesso di focalizzare l’attenzione sull’aggiudicazione di alcuni appalti.

Il sindaco Pasquale Aliberti si è dichiarato sereno, mostrandosi, sin da ora, disponibile ad offrire alla magistratura tutti i chiarimenti che dovessero essere necessari ed utili alle indagini, così come la moglie, il consigliere regionale Monica Paolino, che si è dichiarata stupita di essere indagata per reati relativi a fatti di cui non ne è assolutamente a conoscenza, pur rimanendo fiduciosa nell’operato della magistratura.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Close