Serie DVN Calcio

Savoia – Pareggio interno a reti bianche

Nella sfida con il Francavilla, gli oplontini non vanno oltre il segno X

Un pareggio che sta stretto ai padroni di casa del Savoia. Gli uomini in maglia bianca pagano la leggerezza sotto porta mostrata in questo incontro. Uno smacco per i caldi tifosi torresi, giunti in massa al Giraud.

I locali ci provano con un calcio da fermo con Liccardo, la sua conclusione non trae in inganno Alvigini che con i pugni allontana la minaccia.

Il Francavilla risponde con un colpo di testa ad opera di D’Auria che termina però largo alla destra del portiere di casa.

Liccardo, padrone del centrocampo, con un lancio serve Alvino, la punta però non è abbastanza lesta favorendo così il recupero di Giordano, bravo nel soffiare la palla al numero 7 rischiando anche un’autorete.

Gli ospiti si affacciano nella metà campo del Savoia al 36’: Collocolo tiene in gioco la palla e dalla destra mette il pallone al centro, la sfera arriva sui piedi di Cardamone che di prima intenzione fa partire una conclusione che costringe Savini al doppio intervento.

La ripresa parte con i padroni di casa determinare a sbloccare la gara in proprio favore.

Dalla sinistra piove un cross al centro dove Rekik si fionda sul pallone e in sforbiciata tenta la conclusione. La sfera non centra lo specchio, con i tifosi già pronti ad esultare.

Il Savoia aumenta giri al proprio motore, cercando la via del vantaggio con maggiore intensità

Cross dalla destra di Nives, la palla giunge ad Alvino che col sinistro non riesce ad inquadrare la porta.

Qualche minuto più  tardi, Rekik non approfitta dello svarione difensivo degli ospiti: sulla defaillance di Grandis, il pallone arriva al numero 29 che però spreca una ghiottissima occasione.

Poco dopo è ancora Rekik protagonista: in area di rigore fa partire un potente sinistro che però viene neutralizzato da Alvigini.

I cambi di mister Squillante aumentano ancor di più il peso specifico in attacco, ma in casa Savoia l’imprecisione regna sovrana.

Ci prova De Sorbo ben servito in area dallo scatenato Alvino, ma la sua conclusione di testa si perde a lato.

Altre due occasioni per il Savoia: la prima con la punizione di Liccardo, la sua conclusione precisa trova la grande risposta di Alvigini; la seconda con il cross di Esposito, la traiettoria è insidiosa per l’estremo difensore ospite, con la palla che tocca la traversa e va sul fondo.

Nei 5’ di recupero, i tifosi di casa maledicono la sfortuna e la mancata precisione di un Rekik non in partita, il suo sinistro si perde in curva.

Finale al cardiopalma per gli oplontini. Alvino, a tempo scaduto, trova una conclusione nel cuore dell’area di rigore ma Alvigini sigilla il pareggio con un’altra bella parata.

Termina così la sfida. Uno zero a zero che non soddisfa nessuno in casa Savoia. Resta la certezza, per tifosi e staff, che la squadra c’è, in attesa di tempi migliori.

 

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Close
Close