Serie DVN Calcio

Savoia 1908 – Tre reti per tre punti contro l’Altamura

I bianchi vedono i playoff grazie al 3-0 a domicilio

 

Al “Vallefuoco” di Mugnano, il Savoia conquista tre punti dal profumo di playoff. Il 3-0 rifilato al già appagato Team Altamura, candida gli uomini di mister Campilongo per un casella nella griglia playoff per questa stagione di serie D.

La partita è vivace sin dalle prime battute. Al 6’, Rekik fa tutto da solo e lo fa nel migliore dei modi, venendo steso sul più bello da Errico. Per il direttore di gara è calcio di rigore, Del Sorbo dal dischetto fa 1-0.

L’Altamura è vivo ed al 14’ Montemurro calcia bene trovando però la pronta risposta di Savini. Sulla ribattuta, lo stesso centrocampista spara alle stelle.

Il capitano biancorosso è decisamente una spina nel fianco dei biancoscudati. Al 28’, il suo colpo di testa termina di poco sul fondo.

Al 31’ Del Sorbo si esibisce in una bella acrobazia. Plastica la parata di Volzone.

Si giunge senza emozioni alla fine del primo tempo.

Al 57’ il Savoia raddoppia: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, batti e ribatti in area. Diakitè, di confusione, ci mette il piede realizzando il 2-0.

I padroni di casa cestinano una ghiotta occasione al 62’: Diakite, ben lanciato verso la porta, calcia trovando la respinta bassa di Volzone.

Il Savoia potrebbe dilagare, complici anche gli errori di impostazione del Team Altamura. Prima, la coppia Ayina – Diakite non sfrutta una palla rubata a centrocampo. Poi, è ancora la coppia di attaccanti oplontini protagonista, rubando palla a Volzone e servendo Nives il quale calcia trovando il palo.

L’Altamura non c’è più, Ayina ha due occasioni per timbrare il cartellino sprecandole entrambe.

La terza rete di casa è nell’aria. La mette a segno il subentrato Costantino, al 97’, per il definitivo 3-0.

52 punti e momentaneo quinto posto in classifica. La compagine allenata da mister Campilongo vede il traguardo a pochi metri, nel turno infrasettimanale però dovrà lottare sul campo del Nardò.

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close