EccellenzaVN Calcio

Nola 1925 – Travolto il Sant’Agnello, continua la corsa bianconera

I bruniani cementificano la zona playoff

Continua la striscia di successi per il Nola 1925: dopo lo spavento iniziale, con i bianconeri che subiscono un goal in apertura di gara, i ragazzi di Liquidato dilagano e rifilano 4 reti al fanalino di coda Sant’Agnello.

La squadra bruniana ha dovuto fare a meno di capitan Schioppa e Sacco, out per squalifica, oltre che di Lenci, colpito da un grave lutto in famiglia; così il mister bianconero ha dovuto ridisegnare la propria difesa, schierando addirittura D’Abronzo centrale difensivo.

Come detto, l’inizio di gara è shock per i bianconeri: passano 3′ e Gioventù fa harakiri e spiana la strada per Zarrella, che solo davanti ad Avino non sbaglia.

I bianconeri, dopo aver subito per qualche minuto l’asfissiante pressing locale, escono fuori e s’impadroniscono delle redini del gioco. Stinga deve essere chiamato già agli straordinari al 4′, su una punizione velenosa di Vaccaro, per poi ripetersi al 9′ sul tiro insidioso di Scielzo, mentre al 16′ benedice la traversa, che lo salva sul tentativo aereo di Gioventù. Ci proverà anche Colonna, il quale, a tu per tu con Stinga, lascia partire un diagonale che si spegne sul fondo per una questione di centimetri.

Al 28′ però il forcing bianconero da i suoi frutti: Zaccaro con un velo apre uno spazio grande quanto una prateria per l’inserimento di Vaccaro che non può fallire la rete del pareggio.

Centrato l’1-1, il Sant’Agnello si sbraca e dopo soli 4′ subisce la rete del sorpasso bianconero: da calcio di punizione è proprio l’inedito stopper D’Abronzo a svettare più in alto di tutti e a portare il Nola in vantaggio.

I bianconeri sono in completo controllo della partita e cementificano il vantaggio al 43′: Colonna viene atterrato in area di rigore, dal dischetto Zaccaro non fallisce e fa 3-1.

La ripresa si apre con un timido tentativo offensivo dei locali con Lauro, ma Avino è attento e smanaccia il tiro del numero 9 costiero.

E’ superlativo invece il goal del 4-1 del Nola: è il 56′ quando Scielzo decide di mettersi in proprio, si accentra dalla sinistra e lascia partire un tiro a giro magnifico sul quale Stinga non può proprio nulla.

Come domenica scorsa, però, il Nola allenta la tensione sul largo vantaggio e dopo soli 3′ il Sant’Agnello trova il goal che potrebbe riaprire la partita, grazie alla bella punizione di Palladino che trafigge Avino. I biancazzurri tenteranno poi di beffare nuovamente il portiere bianconero con dei tiri dalla distanza, che però non impensieriscono più di tanto.

I bianconeri, invece, sfiorano più volte la cinquina, ma l’imprecisione degli avanti ospiti, ed un super Stinga su Marotta, evitano al Nola di dilagare ulteriormente.

La sfida termina 2-4: bianconeri che solidificano la zona playoff, avvicinandosi come meglio non potevano al doppio turno casalingo, dove ospiteranno due rivali dirette come Valdiano e Cervinara. Per il Sant’Agnello la salvezza diventa sempre più un miraggio.

Tags

Articoli correlati

Close