VN Cultura

Pompei – Attesa in città per la Via Crucis

Verrà rappresentata il 29 marzo a Pompei, alle ore 21, la Via Crucis in costume, con partenza dal Sagrato del Santuario. L’evento, organizzato dal Lions club Pompei, è diventato ormai un cult per la città, la cui direzione artistica è affidata al gruppo teatrale “Gati” di Elio sorrentino, attore e regista dell’evento, che porterà in scena 130 figuranti e attori in abiti d’epoca, e che faranno rivivere la passione e morte di Cristo.

Il Lions Club di Pompei host, nella persona del suo Presidente, avv. Rossana Bifulco, e nella persona del past president del club, Pasquale Di Paolo, a cui si deve l’allestimento e l’organizzazione materiale dell’evento, sta lavorando da tempo per riportare la Via Crucis al centro delle celebrazioni pasquali.

Il percorso della Via Crucis sarà articolato sulla Piazza Bartolo Longo e lungo via Roma, via Carlo Alberto, via Lepanto fino al sagrato della Basilica, dove, su un palco predisposto per l’occasione, si svolgerà il processo e la crocifissione di Gesù.

La manifestazione nacque nel 1997, da un’idea del regista Elio Sorrentino, padre fondatore della manifestazione, insieme al Lions Club di Pompei – Villa dei Misteri. In seguito, con la scomparsa di questo Club Lions, fu ripresa negli ultimi 5 anni dal Club Lions Pompei. Da allora, la Via Crucis, ha visto ben quattordici edizioni, svoltesi ogni Venerdì Santo, tranne quella del 1999, quando in città fervevano i lavori per il Giubileo. Essa è stata realizzata ininterrottamente fino al 2005, poi la manifestazione è tornata nel 2008 e negli ultimi tre anni, celebrata nella domenica delle Palme e non più il giorno del Venerdì Santo, per separarla dalla funzione liturgica vera e propria. La Via Crucis è stato un evento toccante e di grande richiamo che ha sempre catalizzato l’attenzione e la partecipazione di cittadini e visitatori per i quali è diventato un vero e proprio appuntamento annuale da non perdere. Come sempre gli attori e le comparse daranno l’anima perché la manifestazione abbia successo. E come sempre, nella parte di Gesù, ci sarà Maurizio Bezzeccheri, che si immedesima nella parte, dando il meglio di sè, come atto di amore, ma tutti, comparse e attori e regista, sono volontari, mossi solo da uno spirito religioso e dalla voglia di far emergere la città di Pompei con un evento voluto dal popolo e non calato dall’alto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto