CittàPoliticaPomiglianoVN Notizie

Pomigliano, elezioni: rush finale per le coalizioni prima della presentazione delle liste

Corsa contro il tempo per la compilazione delle liste. Superato il weekend santo della Pasqua, le ore saranno veramente contate per la presentazione di candidati e coalizioni per le elezioni del prossimo maggio.

Va da sé che queste sono le ore giuste per le accelerazioni delle trattative sui tavoli nelle varie città chiamate alle urne, e Pomigliano non è variabile esente dal teorema.

Tutti i radar sono puntati sull’esito delle interlocuzioni del maxi-tavolo attorno al quale graviterebbero i pesi massimi della politica cittadina, su tutti l’ex sindaco Lello Russo.

I rumours delle ultime ore sembrerebbero guardare ad un epilogo felice tra i componenti di quella che potrebbe diventare una maxi-coalizione civica, nel vero senso della parola. Nessun’insegna di partito, a tenere insieme i diversi protagonisti un programma condiviso ed obiettivi chiari, chiamati a correggere le storture della gestione Del Mastro. 

Questo il canovaccio che avrebbe, alla fine della fiera, convinto tutti i partecipanti al tavolo. A far parte della squadra, oltre il sei volte sindaco, sembrerebbero pronti anche Mimmo Leone, che nei giorni scorsi aveva accarezzato l’idea di provare a tirar volata da solo con una coalizione di centrodestra, e la frontrunner opposta a Del Mastro nel 2020, Elvira Romano. E potrebbero restituire dividendi anche i colloqui avuti tra l’ex vicesindaco, Eduardo Riccio e Russo.

Ora non resterebbe che trovare l’accordo sul nome da proporre come primo cittadino alla città, un personaggio che necessariamente dovrà fare da sintesi tra figure e storie politiche eterogenee. 

Nel mentre, il centrosinistra sarebbe ancora preso dai se e dai ma. Nessuna notizia ufficiale è finora trapelata sul lavoro svolto dal “facilitatore” del PD, Valerio Di Pietro. Nell’assoluto riserbo, però, sarebbero proseguiti i colloqui con il Movimento 5 Stelle, per dar corpo all’ipotesi del campo largo riformista, fortemente caldeggiata dalla neosegretaria Elly Schlein per le alleanze locali. Una direttrice pienamente sposata dai pentastellati del territorio, desiderosi di ribadire il risultato del 2020, quando le Cinque Stelle si affermarono come prima forza di maggioranza, concetto già espresso ai nostri microfoni dal consigliere regionale Gennaro Saiello.

Un quadro che non disdegnerebbe nemmeno Rinascita: il movimento civico, già da diverse settimane, aveva lanciato un appello all’unità, per una soluzione della sfida elettorale che il segretario Fiacco aveva già intravisto come necessario per provare a dare risposte diverse alle esigenze della città.

Articoli correlati

Back to top button