EccellenzaVN Calcio

Palmese – Rimonta e tre punti contro il Costa D’Amalfi

In svantaggio attraverso un'autorete, i rossoneri si rialzano e vincono

Tre punti in una gara spigolosa, che si era messa in salita dopo un episodio fortuito: la Palmese porta a casa il bottino pieno contro un Costa D’Amalfi operoso ma ingenuo nel finale di gara.
Eppure al Comunale di Palma Campania la situazione stava avviandosi su tranquilli binari di inefficacia: il primo tempo è soporifero, con i soli Criscuoli e Paradiso chiamati a scaldare i guantoni degli estremi difensori. I primi quarantacinque minuti scivolano via senza particolari sussulti, lasciando spazio ad una ripresa dai contorni nettamente più entusiasmanti.
Al 53’ è clamoroso il rigore in movimento che spreca Criscuoli: la sua conclusione rimbalza sul terreno di gioco mandando Di Maggio fuori giri ma si spegne oltre il limite segnato dai tre legni. Ancora avanti il Costa D’Amalfi al 60’ quando Marino, imbeccato bene in verticalizzazione, chiama Di Maggio all’intervento di piede. È il preludio al vantaggio, che si concretizza al 70’: Mascolo mette una palla al centro fortunosamente deviata da Cavallini, se ne produce un pallonetto beffardo che si insacca alle spalle di Di Maggio, che poco poteva in questa occasione. Il gol non disunisce, comunque, la squadra di mister Papa, che torna a macinare gioco e trova un buon Faggiano a rispondere ad Altea quando scocca il minuto 73. Sei giri di lancette più tardi, l’episodio che cambia la gara: Salvati viene atterrato in area da Criscuoli a palla lontana, per il signor Moretti di San Benedetto del Tronto è espulsione e rigore, con il numero 6 che si rialza a fatica dopo l’intervento dei sanitari. Dal dischetto si presenta Fragiello che batte Faggiano, abile ad intuire ma non abbastanza fortunato nel deviare il tiro dagli undici metri. Sulle ali dell’entusiasmo la Palmese guadagna metri, con la squadra ospite troppo remissiva e schiacciata nella propria metà campo. Accontentarsi del pareggio è un errore grave, che i costieri pagano con lo svantaggio: sull’ennesima proiezione offensiva, Biancardi non trova avversari in marcatura e prova il tiro, la palla bacia il palo e termina in rete, per una gioia che resiste fino al triplice fischio.
Alla Palmese bastano quindici minuti di gioco per raggiungere quota 37 in graduatoria: i rossoneri si destano dal torpore e fanno tornare a casa con un pugno di mosche il Costa d’Amalfi, armato di buone intenzioni ma con poca cattiveria agonistica nel finale.

IL TABELLINO
PALMESE – COSTA D’AMALFI 2 – 1
Palmese: Di Maggio, Biancardi, Maresca, Basile, Cavallini, Salvati, Carnicelli (56′ Altea), Sibilli (67′ Grimaldi), Fragiello, Paradiso, Salvato (89′ Esposito). A disposizione: Ferrieri, Perrella, Tumolillo, D’Ascoli. Allenatore: Papa
Costa D’Amalfi: Faggiano, Palumbo, Pommella (43′ Pisapia), Cestaro, De Luca, Vigorito, Di Landro (82′ Vitiello), Catalano, Marino, Mascolo, Criscuoli. A disposizione: Napoli, Vitiello, Reale, War, Di Crescenzo. Allenatore: Contaldo
Gol: 70′ Cavallini (P, autogol), 79′ Fragiello (P, rigore), 88′ Biancardi (P)
Ammonizioni: Salvati, Carnicelli (P), De Luca (C)
Espulsioni: Criscuoli (C)
Arbitro: Moretti della sezione di San Benedetto del Tronto

Tags

Giandomenico Piccolo

Redattore, conduttore del Telegiornale e di Videonola Sport.

Articoli correlati

Close