EventiVN Cultura

Nola – “Zero al Sud”: “ProssimaMente” ospita Marco Esposito

Poco più di un anno dalla costituzione per volontà di Forza Italia del gruppo e format “ProssimaMente”, laboratorio permanente finalizzato alla raccolta di proposte per tracciare percorsi virtuosi di crescita del partito, così come dei territori in cui da anni rappresenta una costante in termini di presenza e rappresentanza ai diversi livelli della scala gerarchica istituzionale.

Appuntamento mattutino presso la Sala Vittoria, il tema è di quelli quanto mai attuale, discussione in atto sul tema del regionalismo differenziato, l’occasione è quella per approfondire rispetto ad un percorso che si pare accendersi in tempi recenti per dibattito pubblico e politico, ma che trova in realtà background in una contesa, culturale ed economica, di ben più profonde radici.

Lo spunto per il dibattito, l’approfondimento con “Zero al Sud”, esplicito riferimento alla possibile deriva tracciata dal giornalista Marco Esposito nel testo edito per Rubbettino Editore. Il passaggio è quello dalla Questione Meridionale al federalismo fiscale, con il secondo ad offrire una nuova, significativa mappa dello stato di salute di una penisola a due velocità.

Per sintesi del quadro in cui si inserisce lo studio sul tema, laddove si attendeva di evidenziare un Sud incapace di attuare buone pratiche di spesa, le indagini su risorse e fabbisogni ha invece tracciato, in maniera scientifica si potrebbe aggiungere,  con il supporto di riscontri numerici, l’enorme gap tra due sistemi territoriali. 1 miliardo, secondo l’opera, il costo dell’uguaglianza.

L’obiettivo quello di spostare l’attenzione da una contesa meramente politica, ad un dibattito capace di portare la parola ai fatti, quelli concreti, con faro da seguire nella necessità di scongiurare ipotesi di rischio di una forbice ancora più ampia, quella relativa ai servizi, anche essenziali e basilari, di un’Italia spaccata in due, una metà proiettata verso modelli di sviluppo globale, una metà a rischio finanche per gli standard di un paese civile.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close