Cronaca

Nola – Il Vescovo fa visita a Sasha

Resta ancora in ospedale Sasha, il clochard vittima di una vile aggressione qualche settimana fa a Nola.

Una violenza inaudita contro un indifeso, uomo tranquillo che con il suo cane passava le sue giornate nella città bruniana. L’uomo di origine ceca, fu ridotto in fin di vita, è stato accolto dai sanitari dell’ospedale nolano, per praticargli le cure necessarie per riparare le brutte fratture agli arti causati dal branco.

Questa mattina la visita del vescovo Depalma al 44enne, bloccato nel letto da ingessature e fissatori, che lo rendono immobilizzato per almeno due mesi. da qui la necessità di trasferirlo in una struttura a lungodegenza per consentire la guarigione e il recupero. Ma niente riuscirà a rimarginare la ferita morale, attenuata solo dalla grande solidarietà mostrata dalla chiesa di Nola, dalla Caritas, dalla città, che vuole cancellare l’etichetta di razzista, malgrado le manifestazioni contro gli immigrati di qualche settimana fa. L’amore verso il prossimo vince sulla violenza, deve superare le barriere aprendosi alla fratellanza e alla solidarietà, attraverso il vescovo l’abbraccio dell’intera comunità che aspetta di riabbracciare Sasha.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close