Cronaca

Nola – Gigli in diretta, boom di ascolti

La festa dei gigli di Nola. La bellezza di una festa unica, patrimonio Unesco, che appassiona, infiamma, accende il dna dei nolani. La forza delle paranze, i suoni, le canzoni che alimentano marce, girate e cacciate; vogliamo restare agganciati agli elementi tradizionali di una festa unica, patrimonio dell’umanità, alla bellezza al di là dei ritardi e delle polemiche, delle regole calpestate e del ruolo della Fondazione tutto da definire.

La festa dei Gigli 2016 ha avuto, per il 32° anno consecutivo, al suo fianco Videonola. Il mezzo televisivo per veicolare, promozionare e diffondere la ”cultura nolana”. Uno sforzo editoriale costante nel tempo, che la nostra emittente si assume annualmente, mettendo in campo risorse tecniche con il sostegno di privati.

26 ore di diretta hanno documentato il sabato dei comitati con le esibizioni colorate delle numerose corporazioni, per continuare la domenica mattina con la ballata dei gigli e della barca, con l’ingresso in piazza Duomo per ricevere la benedizione. Il pomeriggio con l’uscita per la processione per il centro storico, attivando punti di diretta a ”Caparossa” e alle ”Carceri”. Un modo per consentire la visione delle girate classiche nei luoghi di maggiore difficoltà tecnica, che impegnano le paranze.

In diretta sul digitale terrestre e in streming, la festa è stata seguita da numerose persone; oltre 15mila le visualizzazioni web,  malgrado l’inconveniente tecnico che per qualche ora, ha bloccato gli impianti di trasmissione, per la rottura di un trasmettitore. Un black out che non ci ha risparmiato critiche, forse ingenerose per la forma usata,  ma la diretta espone anche a queste problematiche. Il ripristino degli impianti e le immagini proposte fino a dopo la mezzanotte, con l’esibizione del giglio del Beccaio alle ”Carceri”, hanno permesso di farvi godere della festa, con poche interruzioni e telecamere sempre aperte sulla piazza e sui vicoli.

Numeri che hanno gratificato il nostro lavoro, per un impegno che ha una forte valenza sociale, che permette ad anziani e ammalati di vivere la festa, vederla, apprezzarla. Per chi è fuori dalla Campania il web ha aperto una finestra sulla città, consentendo ai nolani nel mondo di vivere i suoni e i colori della propria terra. Un lavoro lungo che ha impegnato uomini e mezzi, malgrado le difficoltà incontrate per l’ubicazione delle telecamere in piazza. Dopo il rifiuto del’amministrazione ad ospitare le telecamere di Videonola al primo e al secondo piano del palazzo comunale, dopo la promessa mancata della Fondazione che aveva garantito l’installazione di castelletti per le telecamere in piazza, cosa mai avvenuta, si è dovuti ripiegare sulle tribune, troppo basse per realizzare riprese ottimali, penalizzando tecnicamente la qualità della produzione. Solo grazie  all’ospitalità del Circolo Giordano Bruno, abbiamo avuto la possibilità di poter organizzare studio e regia, ricevendo una logistica adeguata per potervi raccontare al meglio la festa eterna.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto