CittàNolaPoliticaVN Notizie

Nola, Declino centro storico e disastro Fondazione – Critiche dall’opposizione

È una contesa a suon di manifesti quella aperta in città a Nola; dopo le vicende relative all’assemblea cittadina, agli equilibri che reggono la maggioranza Minieri, si passa questa volta a due temi caldi del dibattito pubblico e politico; nel mirino del gruppo d’opposizione finiscono centro storico e futuro della Fondazione Festa dei Gigli.

Cuore della città Terra di nessuno, questo il primo tema della critica aperta nei confronti dell’amministrazione comunale, la situazione quella sotto gli occhi di tutti, caratterizzata da una progressiva deriva anche della movida nel fine settimana, quella di un commercio ridotto all’osso che si mostra nelle tante, troppe serrande abbassate di un centro ai minimi storici per offerta commerciale.

C’è chi resiste ed anche qui i problemi non mancano, sono quelli che vengono dagli anni della pandemia, ed anche in questo caso ancora si attende il bonus, annunciato per dare sollievo ma ancora atteso all’incasso. E quella che si immaginava come galleria di brand, grande attrattore per il ritorno di turisti e visitatori in città, resta per il momento semi-deserto.
Cultura al centro della missiva a firma dei gruppi consiliari d’opposizione, sul banco degli imputati torna il futuro della fondazione Festa dei Gigli, rispetto al percorso che negli ultimi anni ha portato alla nomina del Presidente Argenziano, poi finito dimissionario con denuncia alle pesanti ingerenza della politica nella gestione dell’ente. E dalla Fondazione Gigli a quella Giordano bruno, al palo rispetto alle attività di promozione della città e del pensiero bruniano.

Declinazioni di una città da risollevare, che attende nuovo slancio per tornare al centro della cultura e dell’economia dell’area nolana.

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto