Politica

Nola – Consiglio straordinario: Scala e Vecchione riflettono

Richiedere la convocazione di un consiglio comunale straordinario, per istituire una commissione speciale di inchiesta, capace di valutare lo stato generale comunale alla luce dell’interpellanza parlamentare del Movimento 5 stelle, presentata il 3 giugno scorso. Una interpellanza che poneva in essere uno screening della realtà socio-economica e amministrativa dell’area nolana e di Nola in particolare dalla gestione dei parcheggi con la storia a tappe delle società che si sono alternate nella gestione.

Alle note della Corte dei Conti del luglio 2012 all’amministrazione del comune di Nola in merito al Rendiconto 2010 e al bilancio di previsione 2011. La vicenda dei falsi mandati di pagamento ai danni dell’amministrazione, che ha visto coinvolto due funzionari e un imprenditore locale, i quali avrebbero sottratto alle casse comunale più di 1,3 milioni di euro. L’arresto dell’ex assessore Giampaolo De Angelis ed altri filoni giudiziari in corso di svolgimento.

L’interpellanza dei grillini è volta a far insediare una commissione d’accesso in seno al comune di Nola al fine di verificare, ai sensi della normativa vigente, la presenza di condizionamenti da parte della criminalità organizzata. Su questa scia i rappresentanti dell’opposizione avrebbero preparato la richiesta di convocazione di un consiglio straordinario per istituire una commissione speciale di inchiesta. Ma il fronte della minoranza non è apparso compatto.

Infatti in pausa di riflessione sarebbero Carmela Scala e Emma Vecchione,entrambe del gruppo consiliare del Nuovo Centro Destra, ad eccezione di Raffaele Parisi. I malpensanti avrebbero indicato nella titubanza della Scala, un approccio della maggioranza, ipotizzando un ingresso in giunta per compensare la quota rosa ancora mancante nell’esecutivo Biancardi.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close