Politica

Nola – Circumvesuviana: Stop all’interramento, finanziata la riqualificazione per 42 mln di euro

Importanti interventi pianificati dalla Regione Campania, con investimenti economici pari a 42 milioni di euro; interventi da realizzare sulla tratta ferroviaria della Napoli-Nola-Baiano dell’ex Circumvesuviana, attualmente, Ente autonomo volturno. Il prospetto delle opere programmate, secondo il deliberato della Giunta di palazzo Santa Lucia, contempla la riqualificazione della stazione di Nola e dell’area antistante, con l’impegno di risorse per 32 milioni di euro.

Per l’automazione, la messa in sicurezza delle linee ferroviarie e la soppressione dei passaggi a livello lungo la tratta sono previsti investimenti per 10 milioni di euro. E’ il quadro di opere in cui risalta il definanziamento degli interventi programmati oltre cinque anni fa per 120 milioni di euro, con la previsione d’interramento della stazione dell’ex-Circum sulla tratta Saviano-Via Feudo-Nola; definanziamento deliberato dalla Giunta per ragioni di ordine amministrativo e per le difficoltà da superare nell’attuazione del programma.

Sulla serie di opere da realizzare con i finanziamenti deliberati dalla Giunta regionale, saranno eseguiti successivamente, interventi di riqualificazione, abbellimento e miglioramento degli arredi per tutte le stazioni della Napoli-Nola-Baiano; stazioni che saranno dotate di sofisticati sistemi di video-sorveglianza. Il provvedimento deliberato dalla Giunta regionale si rapporta allo Studio trasportistico dell’Agenzia Campana per la mobilità sostenibile, dedicato all’Analisi delle frequentazioni sulle linee ferroviarie dell’Ente autonomo Volturno; un quadro di elementi basato sugli esiti delle indagini effettuate dal Consorzio unico Campania tra il 2012 e il 2015.

Altro fattore decisivo per il definanziamento in esame il programma degli investimenti strategici per l’ammodernamento e il potenziamento della rete ferroviaria regionale; programma che è mirato, tra gli altri obiettivi, a ridurre al minimo l’impatto delle opere trasportistiche. E quello dell’interramento dell’ex-stazione della Circum sarebbe risultato un intervento di particolare impatto ambientale rispetto alle presistenze archeologiche dell’area interessata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto