VN Cultura

Nola – Albo delle Paranze: la “Stella” contesta

Una paranza che chiede di essere esclusa dall’albo delle paranze previsto dallo statuto della Fondazione Festa dei Gigli. Una richiesta avanzata dal rappresentante della Paranza Stella, per contestare i principi di tutela delle paranze nolane, che sarebbero dovuti essere garantiti dall’Ente. Viene contestata la mancata iscrizione all’albo al momento dell’assegnazione, delle paranze scelte per la festa di giugno prossimo, facendo venire meno lo scopo principale dell’istituzione dell’Albo, che secondo il rappresentante della Stella, sarebbe nato per tutelare la nolanità.

La posizione della Fondazione è stata netta e chiara. Il presidente Soprano ha parlato di una errata interpretazione dell’Albo da parte della paranza Stella. L’elenco non sarebbe stato istituito per tutelare le paranze nolane, ma per censire le paranze partecipanti alla festa, per conoscere i responsabili, facendoli accettare il regolamento e per sanzionarli in caso di violazioni. Non esisterebbe un termine per l’iscrizione all’Albo, tanto da rendere libero l’accesso fino alla definitiva scelta dei maestri di festa.

Albo a parte, esiste un nuovo problema per la Fondazione. Si tratta della concomitante richiesta di posizionamento del giglio a piazza Giordano Bruno per Bettoliere e Fabbro, e in piazza Immacolata per Salumiere e Sarto. La Fondazione ha deciso per il sorteggio da effettuarsi il prossimo primo marzo.

Una soluzione che non avrebbe trovato un totale accoglimento, lasciando prevedere l’assenza di qualche maestro di festa, che aveva evidenziato un accordo tra Bettoliere e Fabbro, con la definizione di un calendario per le serate. Un problema che andrebbe risolto a monte, con regole certe sin dal momento dell’assegnazione, dove si dovrebbero definire anche le postazioni risolvendo subito le eventuali doppie scelte.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close