Girone HSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Vittoria in extremis contro il Gravina

Ai bianconeri la sfida salvezza, D'Anna decisivo al 92'

Chi di calcio d’angolo ferisce, di calcio d’angolo perisce.

Il Nola ottiene tre punti nel delicato impegno casalingo solo in zona Cesarini, grazie alla zuccata vincente di Emanuele D’Anna. Lo stesso D’Anna che, chiamato a ricoprire un ruolo non suo ovvero il difensore centrale, ha risposto presente. Insieme a Sabatino Vaccaro hanno non solo sopperito all’assenza di Pasqualino Esposito, ma anche e soprattutto fornito una prestazione altisonante, per quantità e qualità.

Una partita basata sull’intensità da ambo le compagini, pronte a chiudere gli spazi e a ripartire. Meglio il Nola, padrone del campo per larghi tratti della sfida, bravo nel costringere all’errore gli avversari e ad approfittarne.

Al 6′ Esposito da posizione defilata esplode il destro trovando l’opposizione della retroguardia pugliese.

Al 12′ il vantaggio bianconero: break a centrocampo di Marco Colarusso, il centrocampista fa partire un potente destro che si insacca alle spalle di Loliva.

La partita scorre su ritmi blandi. Si arriva al 36′ quando il colpo di testa di Santoro termina alto sopra la traversa.

La risposta Nola al 39′: Troianiello pesca Esposito sul secondo palo che col sinistro non centra la porta.

Nell’unico minuto di recupero il Gravina pareggia: da calcio d’angolo Tarantino beffa tutti e di testa fa 1-1.

Duzel della sezione di Castelfranco Veneto fischia due volte.

Alla ripresa, la prima azione degna di nota al 59′ quando la palla giunge ad Esposito che non riesce a concretizzare.

La tensione cresce, il tempo scorre e le due formazioni sono attente a non concedere il fianco all’avversario.

Prova a dare una scossa ai suoi capitan Vaccaro: al 77′ spegne sul nascere un ipotetico contropiede ospite, si lancia in una bella percussione e cerca la porta ma la palla si spegne sul fondo.

Il finale di gara è un tourbillon di emozioni. Nel secondo dei tre minuti di recupero calcio d’angolo Nola, il pallone arriva dalle parti di D’Anna che di testa firma il sorpasso.

Non c’è nemmeno tempo di esultare che il Gravina, a tempo praticamente scaduto, va vicinissimo al 2-2 in più di un’occasione. Assalto gialloblu in area Nola: batti e ribatti indemoniato con Santoro che ci prova per ben due volte. Stoici i calciatori in maglia bianconera nel difendere la propria porta dal pareggio pugliese.

Non c’è più tempo, il fischietto veneto pone fine alle ostilità. I tre fischi fanno partire la festa Nola, i giocatori si lasciano andare travolgendo gli eroi di giornata, protagonisti in questo finale thrilling.

Si respira aria diversa ora che i bruniani hanno definitivamente lasciato la zona rossa della classifica. Ma guai ad abbassare la guardia, domenica in trasferta c’è il derby contro il Gelbison.

 

 

 

IL TABELLINO

 

NOLA 1925 – FBC GRAVINA       2-1

 

MARCATORI: 12′ Colarusso (N), 45′ Tarantino (G), 92′ D’Anna (N)

 

NOLA: Gragnaniello, Lippiello, Anzalone, Del Prete ’00 (84′ Madonna), Vaccaro, D’Anna, Troianiello (89′ Del Prete ’98), Colarusso, Esposito G., Gaetano (57′ Colonna), Stoia (67′ Napolitano); a disposizione: Capasso, Paradisone, Tagliamonte, Varriale, Esposito GM. All. De Sarno

GRAVINA: Loliva, Dentamare, Tarantino, Romeo, Visone, Rizzo, Guida (78′ De Giglio), Mbida, Santoro, Mangiacasale, Chiaradia (86′ Caponero); a dispozione: Vicino, Mady, Ceglie, Angelo, Dininno, Correnti, Marchese. All. Loseto

AMMONITI: Vaccaro (N), Rizzo (G), Mbida (G)

RECUPERO: 1′ e 3′

ARBITRO: Davide Duzel di Castelfranco Veneto

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto