Girone GSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Un Formia cinico conquista i tre punti

3-0 il finale. La sfortuna attanaglia i bianconeri.

Il Nola esce sconfitto dal terreno di gioco dello “Sporting Club” non senza rammarico. Il Formia ha praticato buon calcio meritando la vittoria, in una gara costellata da episodi sfortunati.

Ancora una volta fatali, per il Nola, sono state le ripartenze: la formazione di casa infatti avrebbe potuto in almeno un paio di occasioni andare in rete ma il caso ha voluto che fosse il Formia, abile in contropiede, ad ottenere la gloria ed il successo.

Alla vigilia si parlava di uno scontro salvezza e così è stato. Tanta intensità ma poche occasioni nei piacevoli primi 45’.

Le due azioni degne di nota, una per parte, si registrano al 17’ e al 30’. La prima, in favore degli ospiti, con la punizione velenosa di Zonfrilli, di poco larga. Poi è Negro, per il Nola, a tentare la fortuna con una conclusione dal limite, ben alta sopra la traversa.

Non c’è recupero nella prima frazione. Da segnalare una fin troppo nutrita rappresentanza ospite. Circa 50 gli elementi che hanno “accompagnato” il Formia in trasferta. Al fischio del signor Picardi della sezione di Viareggio ha inizio la ripresa. Secondo tempo ben più ricco e coinvolgente in fatto di emozioni.

Al 51’ calcio di punizione Nola, la palla è diretta a centro area. Nel traffico dell’area di rigore, nessun calciatore nolano riesce a deviare la palla in rete.

Nemmeno 60’’ più tardi, sul capovolgimento di fronte sono gli ospiti a passare in vantaggio. E’ il bomber biancoazzurro Gomez a firmare il vantaggio Formia, finalizzando così una bell’azione corale.

Il Nola non ci sta e 3’ più tardi maledice la sfortuna. Ancora da calcio di punizione, la palla arriva a Baratto che fa sponda al centro. Russo è lì e calcia a botta sicura trovando la traversa a negargli la gioia della rete personale. Secondo legno consecutivo per il difensore.

In mezzo, c’è materiale da moviola. Pirolozzi, capitano degli ospiti, ammonito ad inizio ripresa, entra in maniera scomposta, forse con un gomito troppo alto. L’arbitro assegna solo calcio di punizione tra le proteste generali.

Al 63’ il Formia si fa vedere nuovamente dalle parti di Bellarosa. Angolo battuto corto, Chinappi disegna una bella parabola diretta al secondo palo dove Callegari schiaccia troppo di testa.

Al 70’ Nola in attacco. Palumbo smista bene verso Di Maio, il terzino controlla e fa partire un promettente sinistro, disinnescato in grande stile da Trapani.

Al 73’ gli ospiti raddoppiano. Acampora perde un brutto pallone a centrocampo. Il contropiede degli ospiti è mortifero: la palla arriva a Zonfrilli che si accentra ed esplode un preciso sinistro che termina la sua corsa nel sette. Nulla da fare per Bellarosa e 2-0 Formia.

Il Nola tira i remi in barca. Tutto facile per il Formia che legittima il vantaggio prima, al 78’, con una bella conclusione di prima da parte di Jammeh che termina di poco lontano dall’incrocio dei pali, e all’84’ con la terza rete di giornata, ad opera di Di Vito. Vincente la zuccata del numero 24, ben piazzato sul secondo palo.

Non accade più nulla. Dopo i 5’ di recupero assegnati dal fischietto viareggino, termina la sfida.

Formia corsaro in quel di Nola. Tre punti che consentono alla formazione di mister Salvatore Amato di restare in scia delle migliori.

 

Nola bene a tratti: ha tenuto testa ad una buona squadra nei primi 45’ salvo poi arrendersi nella ripresa. C’è da lavorare nonostante gli spunti positivi, in vista della decisiva trasferta di Sassari contro la Torres.

 

IL TABELLINO 

NOLA 1925 – INSIEME FORMIA    0-3

MARCATORI: 52′ Gomez, 72′ Zonfrilli, 84′ Di Vito

NOLA: Bellarosa, Di Maio (82’ Corbisiero), Russo, Ruggiero (46′ Massaro), Baratto, Esposito, La Monica (56′ Caliendo), Acampora, Negro (56′ Palumbo), Gassama, Sannia A. (75′ Bencivenga). A disposizione: Torino, Sannia S., Pantano, Angeletti. All. Rosario Campana.

FORMIA: Trapani, Iorio, Di Vito, Gargiulo, Callegari, Pirolozzi, Jammeh (83′ Tounkara), Chinappi (74′ Del Prete), Gomez (85′ Lonardo), Zonfrilli (78′ Ioio), Romano (66′ Durazzo). A disposizione: Capogna, Quirino, Cuomo, D’Aniello. All. Salvatore Amato.

AMMONITI: Acampora (N), Pirolozzi (F), Callegari (F)

RECUPERO: 0′ e 5′

ARBITRO: Mario Picardi di Viareggio

ASSISTENTI: GianMarco Pellegrino di Torino e Diego Spatrisano di Cesena

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto