Girone HSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Tante motivazioni in vista della sfida al Taranto

C’è voglia di far bene, dinanzi ai propri tifosi, contro la capolista

 

Domenica 3 Febbraio il Nola affronterà il Taranto, attualmente prima forza in campionato. La gara numero 22 del girone H di Serie D si preannuncia infuocata. I destini di queste due squadre si incrociano per la seconda volta in stagione. L’andata ha visto trionfare i tarantini con un netto 3-0, la gara di ritorno potrebbe non essere così scontata.

Tante variabili che, in un modo o nell’altro, possono dare una spinta in più ai bianconeri impegnati nella sfida alla corazzata rossoblu. Si parte dal ritorno di mister Liquidato, già confermato nei giorni scorsi. Il tecnico, complice la trasferta di Picerno mai giocata, non è mai sceso in campo dal suo ritorno a Nola, di conseguenza l’attesa di calpestare nuovamente il terreno di gioco è tanta. Il nuovo vecchio allenatore del Nola non sta nella pelle e soprattutto ha le idee chiare.

Come menzionato dallo stesso coach bianconero, allo “Sporting” è atteso un altro ritorno. Infatti, il ventiduesimo impegno in campionato del Nola combacia con il ritorno sugli spalti del gruppo SPN, storico collettivo del tifo bruniano, costretti fino ad ora a sostenere i propri colori da lontano.

Una variabile da tenere d’occhio. Il ritorno del tifo organizzato non poteva che capitare in una partita dallo spessore più che rilevante, nonostante la differenza in graduatoria tra queste due compagini.

Il Taranto ha guadagnato la prima piazza dopo i tre punti conquistati nella gara di recupero della 18^ giornata contro il Bitonto, terminata 1-0. Ora il gap col Picerno è di solo 1 punto, in attesa della partita da recuperare dei lucani proprio contro il Nola.

Gli ionici non perdono dalla 12^ giornata, a Nardò per 2-1. Da quella sconfitta, Il Taranto ha inanellato un filotto di ben 8 vittorie e 1 pareggio vincendo anche lo scontro al vertice con il Cerignola per 2-1.

Come si affronta questa gara? Lo abbiamo chiesto ad un figlio di Nola; a chi, come seconda pelle, ha la maglia bianconera.

L’ultima variabile, ma non per importanza, è in ottica mercato. Da segnalare un altro gradito ritorno in maglia Nola: Piergiorgio Falivene vestirà nuovamente la blusa bianconera. Terzino sinistro classe 2000, Falivene ha dimostrato il suo potenziale con il Nola già la passata stagione, in Eccellenza, sotto la guida di Stefano Liquidato, con ottime prestazioni. In questi pochi mesi il giovane terzino dovrà rimboccarsi le maniche per raggiungere l’obiettivo comune: la salvezza.

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close