Girone HSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Sconfitta con polemiche contro il Pomigliano

I locali ritrovano il “Gobbato” e i tre punti

Si è trattata di una sfida senza esclusioni di colpi, forse condizionata da un arbitraggio non all’altezza. Pomigliano – Nola è stata una gara scoppiettante dall’alto valore specifico nella lotta alla salvezza.

Partita disputata a porte chiuse, ciò nonostante la passione del tifo di casa non si è fermata con i sostenitori locali assiepati alla bene meglio nei pressi della stazione ferroviaria di Pomigliano D’Arco.

Per i Pomigliano si vede Thiam, ex di giornata. Nei bianconeri prima da titolare per Falivene.

Il primo tempo è effervescente: pronti via e Troianiello ha una buona occasione per sbloccare l’incontro ma spara alto.

2’ più tardi, Gennaro Esposito ci prova di testa ma la difesa granata salva tutto.

Ancora Nola con Sabatino Vaccaro: il centrocampista ci prova direttamente da calcio di punizione, la palla sbatte sulla traversa e va sul fondo.

Al 14’ la risposta locale con Mannone, il suo colpo di testa trova la parata volante di Gragnaniello.

Poco dopo Picascia fa tutto da solo ma il suo tiro è troppo debole.

Il Pomigliano cresce sulla destra, De Siervi tenta l’eurogol ma la palla vola via. Il Nola c’è, Vaccaro ci prova ma sparacchia lontano dal bersaglio grosso.

Al 40’ l’episodio che cambia il match: De Siervi cade in area di rigore, Luca Baldelli della sezione di Reggio Emilia non ha dubbi, è calcio di rigore. Poziello dagli 11 metri fa 1-0.

Il secondo tempo vede il Nola all’attacco. In apertura ripresa, Sorrentino si salva sul tiro-cross di Stoia.

Pasticcio Falivene – Gragnaniello con quest’ultimo che viene travolto da Buonocore. L’arbitro annulla la rete di De Siervi per fallo sul numero 1 bianconero.

Nelle battute conclusive, fiato sospeso per tutti i supporters bruniani.

Pallone dell’Ave Maria scagliato al centro, traffico e confusione in area di rigore, sulla palla vagante si fionda Lippiello che calcia a botta sicura. La palla pare varcare la linea di porta ma per il fischietto romagnolo non è gol. Furiose le proteste dei calciatori bianconeri, il replay scioglie ogni dubbio.

Termina così questa delicata sfida salvezza. Buona la prima di mister Vitale.

I tre punti vanno al Pomigliano, una vittoria quella dei granata con più ombre che luci.

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close