Girone ISerie DVN Calcio

Nola 1925 – Parte male il 2020, arriva la sconfitta in casa contro il Marina di Ragusa

0-1 il finale, di Di Bari il goal che decide l'incontro

Il Nola stecca la prima del nuovo anno. In una gara fortemente condizionata dal vento, a conquistare il bottino pieno è stato il Marina di Ragusa con il punteggio di 1-0. La gara è apparsa contratta sin dalle prime schermaglie, il primo tempo ha offerto pochi spunti.

Alla prima occasione utile, gli ospiti passano in vantaggio. Al 4’ azione insistita di Diop, Di Bari ribadisce in rete una palla respinta dalla difesa di casa e col destro fa 1-0.

La reazione dei locali tarda ad arrivare. Il Nola ha difficoltà nell’impostare vista l’intensità del vento che soffia a sfavore dei bianconeri nella prima frazione.

Al 15’ dubbio in area di rigore, i padroni di casa reclamano il tiro dagli 11 metri. L’arbitro lascia giocare.

Al 21’ il Marina di Ragusa tenta la sorte dalla distanza, la botta di Calivà è potente ma centrale.

I bianconeri, al 30’, sviluppano un’azione che porta al cross morbido di Guarro. Maggio, di testa, non centra lo specchio della porta.

Il fraseggio dei padroni di casa è viziato dalle condizioni climatiche odierne. Per gli ospiti invece, il vento appare come un alleato. I siciliani potrebbero sfruttare questo fattore al 35’: il velenoso calcio d’angolo è deviato fuori, in qualche modo, da Anatrella.

Dopo 60’’ di recupero ecco la fine del primo tempo. Il fischio del signor Tartarone della sezione di Frosinone dà inizio ai secondi 45’.

Il Nola parte forte ma affonda solo al 68’. Maggio prova a rompere gli indugi con questa conclusione dalla medio-lunga distanza.

Al 75’ a provarci è Acampora con un calcio da fermo. La palla calciata dal centrocampista sfiora l’incrocio dei pali.

3’ più tardi il Marina si esibisce in un bel contropiede. Schisciano è chiamato alla finalizzazione ma Anatrella dice di no.

All’82’ il Nola va vicino al pareggio con Guarro. Il capitano bianconero si fionda sul cross diretto al secondo palo ma la zuccata non è precisa.

Nei 5’ di recupero assegnati dal fischietto laziale, i locali vanno vicini al segno X. Ancora Acampora da fermo al 91’, la battuta del biondo numero 10 sibila alla destra di Pellegrino.

Al 93’ ancora contropiede Marina non sfruttato. Questa volta è il subentrato Baldeh a trovare sulla strada della rete l’estremo Anatrella che sventa il potenziale 2-0 ragusano.

L’ultima emozione del match è a favore del Nola. A tempo praticamente scaduto, Serrano esplode un destro che non impensierisce Pellegrino.

Tre punti d’oro per il Marina di Ragusa. La formazione siciliana, con il minimo sforzo, ha ottenuto una vittoria dall’importante peso specifico.

Tanta amarezza in casa Nola. I campani hanno affrontato un collettivo compatto, bravo nel resistere agli assalti del secondo tempo. C’è tanto da lavorare per mister Esposito ma c’è anche tempo: il girone di ritorno è appena iniziato.

Tags

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close