EccellenzaVN Calcio

Nola 1925 – Missione compiuta, battuto il S. Vito Positano

Il Nola ha la meglio in un rocambolesco match terminato 4-3

Ci ha pensato il Nola ha riscaldare i cuori dei propri sostenitori in questa fredda giornata invernale. Allo “Sporting Club” il Nola, nel secondo tempo, si è complicato la vita da solo concedendo agli avversari di rientrare in partita; nell’arco dei 90′ però i bianconeri hanno meritato la vittoria, giocando meglio degli ospiti per larghi tratti della sfida.

I padroni di casa partono col piede giusto e al 12′ trovano il vantaggio: da calcio d’angolo, Gioventù raccoglie il cross di Vaccaro e di testa schiaccia tradendo Belviso per l’1-0.

Il Nola fraseggia bene, portandosi nella metà campo avversaria più e più volte, senza trovare però la giusta precisione.

Il San Vito Positano prova a rispondere alle iniziative locali: l’occasione più importante è al 40′ quando Di Ruocco di testa costringe Avino a mettere in angolo. Dalla palla ferma arriva un cross in area che coglie impreparati un po’ tutti, ma il pareggio non arriva.

Dopo 1′ di recupero, il signor Fabio Della Corte della sezione di Napoli fischia due volte.

La ripresa si apre con il raddoppio del Nola: dalla destra Vaccaro fa partire un suggerimento al centro dove Scielzo sporca il pallone quel tanto che basta per fare il 2-0.

Il S. Vito Positano accorcia le distanze al 67′ grazie ad un calcio di rigore, Porzio dagli undici metri non sbaglia siglando il 2-1.

Al 71′ il Nola ristabilisce le distanze grazie alla doppietta di Scielzo: il numero 10 trasforma un calcio d’angolo ben eseguito da Vaccaro e di testa fa 3-1.

Gli ospiti non ci stanno e al 77′ accorciano nuovamente le distanze: dalla sinistra, parte un pallone diretto alla corrente Natino il quale, in piena area di rigore, realizza il 3-2.

Il Nola risponde immediatamente e 1′ più tardi arriva il punto del 4-2: contropiede ben gestito sulla destra, il pallone è messo al centro dove Sacco è bravo nel battere Belviso.

Sacco è meno bravo quando all’ 82′ conclude anzitempo la sua gara. Il numero 11 viene espulso macchiando così un’ottima prestazione.

In una partita che pare non finire mai, in superiorità numerica, il San Vito Positano, all’ 83′ realizza il gol del definitivo 4-3: Di Ruocco è l’ottimo finalizzatore di un contropiede fulmineo da parte dei giallorossi, che ha trovato la retroguardia bruniana impreparata.

Al termine dei 6′ di recupero si cocnlude questa sfida infinita. Dopo i primi 45′ sembrava una partita in discesa per il Nola 1925, in vantaggio e padrone del campo.

Il secondo tempo ha regalato tantissime emozioni ed un finale col brivido, oltre che importanti indicazioni per entrambi i mister, i quali lavoreranno duro per raggiungere i propri obiettivi.

 

 

IL TABELLINO

NOLA 1925 – SAN VITO POSITANO   4-3

MARCATORI: 12′ Gioventù (N), 47′ e 71′ Scielzo (N), 67′ Porzio (P), 77′ Natino (P), 78′ Sacco (N), 83′ Di Ruocco (P)

NOLA: Avino, Gioventù (86′ Mocerino), Falivene, Vaccaro, Lenci, Schioppa, Colonna (68′ Paradisone), D’Abronzo, Zaccaro (76′ Falanga), Scielzo (86′ Tagliamonte), Sacco; a disposizione: Esposito, Improta, Caruso. All. Liquidato

POSITANO: Belviso, Marino, Amita (78′ Busanca), Banco (78′ Langella), Vallefuoco, Squitieri, Natino (92′ Terracciano), Esposito (90′ Buondonno), Longobardi, Di Ruocco, Porzio; a disposizione: Di Leva, D’Alesio, Del Sorbo. All. Attanasio

AMMONITI: Scielzo (N), Squitieri (P), Natino (P), Falanga (N), Schioppa (N)

ESPULSI: Sacco (N)

RECUPERO: 1′ e 6′

ARBITRO Fabio Della Corte di Napoli

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Close
Close