Girone GSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Il nuovo anno parte con una sconfitta

Allo “Sporting” vince l’Afragolese 2-0

Il 2021 parte male per il Nola. Nella decima gara di campionato, la prima del nuovo anno, i bianconeri hanno incrociato i tacchetti con l’Afragolese allenata da mister Giovanni Masecchia, sostituito dal vice Salvatore D’Angelo causa squalifica. Mister Rosario Campana schiera l’undici tipo con un cambio tra UNDER: fuori La Monica e dentro Caliendo con Gassama partner di Negro in attacco.

Prima dell’inizio della gara, i calciatori del Nola hanno deposto un mazzo di fiori nel ricordo di un tifoso scomparso in queste ore.

La sfida parte con gli ospiti pericolosi al 5’ con Puntoriere: destro potente ma esterno della rete.

Si passa direttamente al 20’, minuto del vantaggio Afragolese. Il cross dalla sinistra spiove sul secondo palo dalle parti di Energe che batte Bellarosa. Marcatura fin troppo leggera di Sannia che si dispera.

La reazione del Nola 2’ più tardi. Acampora cerca un compagno in area da punizione, senza fortuna. Poi è Gassama a provarci, Sorrentino sbarra la strada al 10 locale.

Poi, al 36’, Il raddoppio Afragolese ha del tragicomico. Il pressing di Puntoriere su Bellarosa è efficace, il portiere bianconero spara la sfera sull’attaccante in maglia verde con la sfera che si deposita in fondo al sacco. 2-0 ospite tra l’incredulità dei nolani e le risate degli afragolesi.

Il primo tempo si conclude con il riscatto, almeno parziale, del portierino di casa. Il classe 2002 Bellarosa dice di no prima a Liccardo e poi ad Energe. Il primo tempo finisce 2-0 dopo 3’ di recupero.

Al fischio del signor Paul Leonard Mihalache della sezione di Terni ha inizio la ripresa. 65’’ sul cronometro e Afragolese in attacco ma Russo salva tutto sulla linea.

Nel Nola entra Cardone ed è proprio il classe ’99, al 49’, a scaldare le mani di Sorrentino che blocca senza patemi.

Nel secondo tempo il Nola ci prova di più, a mancare è il guizzo vincente. Come al 58’ quando il subentrato La Monica potrebbe riaprire i giochi ma il suo colpo di tacco non va a buon fine.

Allora l’Afragolese prova a chiuderla al 63’ con Sogno lanciato a rete ma l’argentino spara sulla traversa la palla dell’ipotetico 0-3.

La gara perde intensità col passare dei minuti. Il Nola cerca spazi, l’Afragolese pensa a ridurli.

Al 75’ il tiro di Gassama è potente ma largo. Al minuto 88 è ancora Gassama a rendersi protagonista ma il suo tentativo difetta in precisione.

Nel finale, La Monica si mette in proprio: la sua lunga falcata è interrotta dall’usicta a valanga di soprrentino che blocca così il risultato.

Dopo 5’ di recupero, il direttore di gara fischia tre volte. Non c’è il carbone nella calza dell’Afragolese che grazie ad un’ottima prestazione conquista tre punti piazzandosi nel mezzo della graduatoria, a 3 lunghezze dalla zona playoff.

6 rosso per il Nola. Ci si aspettava qualcosa in più dai padroni di casa in questo interessante derby ma l’acuto non è arrivato. Bisogna ripartire dalla grinta mostrata nel secondo tempo per affrontare al meglio un’altra delicatissima sfida: tra 4 giorni allo “Sporting” arriva il Team Nuova Florida.

 

 

IL TABELLINO

 

NOLA 1925 – AFRAGOLESE 1944       0-2

MARCATORI: 20′ Energe, 36′ Puntoriere

 

NOLA: Bellarosa, Pantano (83’ Corbisiero), Sannia, Russo, Baratto, Esposito, Caliendo (51’ La Monica), Acampora, Negro, Gassama, Di Maio (48’ Cardone). A disp: Torino, Galiano, Angeletti, Pesce, Coppola, Sarracino. All. Rosario Campana

AFRAGOLESE: Sorrentino, Liguori, Lagnena, Carrotta (84’ Marigliano), Energe (88’ Napolitano), Percuoco (91’ Caruso), Puntoriere (77’ Fava), Liguoro, Liccardo, Nocerino, Sogno (63’ Caso Naturale). A disp: Pragliola, Oliva, Giordano, Bellante. All. Salvatore D’Angelo

AMMONITI: Liccardo (A), Negro (N), Sogno (A), Sorrentino (A), Gassama (N)

RECUPERO: 3′ e 5′

ARBITRO: Paul Leonard Mihalache di Terni

ASSISTENTI: Andrea Maria Masciale e Mauro Antonio De Palma di Molfetta

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto