Girone GSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Crollo casalingo contro il Latte Dolce

I bianconeri mollano nel finale, i sardi vincono 5-3

Giornata nefasta per il Nola. L’ennesimo scontro salvezza di questo deludente finale di stagione è stato vinto dai sardi del Sassari Latte Dolce che conquista così la matematica salvezza.

Un’altra occasione sprecata dalla formazione bruniana che negli ultimi 10’ perdono la bussola e di conseguenza anche questa delicatissima sfida.

Le immagini del primo tempo vedono il Nola guadagnare un calcio di rigore al 6’ per un fallo di mani in area. Gennaro Esposito si presenta sul dischetto e sbaglia, il tiro dagli 11 metri è parato da Garau.

Prova a rifarsi il Nola con un contropiede al 9’ ma la conclusione di Alvino termina sul fondo.

Al 16’ Gennaro Esposito è davvero sfortunato. Sugli sviluppi di un calcio di punizione, la palla rimbalza sul centravanti e sorvola di poco la traversa a portiere battuto. 2’ più tardi però il Nola sblocca l’incontro. Bell’azione di contropiede del Nola, finalizzata da Francesco Alvino che col sinistro piazza il pallone alle spalle di Garau.

Il Latte Dolce non si scompone ed al 22’ ristabilisce la parità. Direttamente da calcio di punizione, Luigi Scotto fa 1-1.

Al 25’ sardi in attacco. Cross dalla destra di Kone, Scotto ci prova ma Torino è attento. Il Nola va sotto nel punteggio 2’ più tardi. Daniele Bianchi, indisturbato al momento del tiro, trova il punto del sorpasso.

Al 42’ il Nola pareggia. Blitz a centrocampo di Sannia che innesca un veloce contropiede. Esposito riceve da Caliendo e batte Garau per il 2-2. Squadre negli spogliatoi dopo 2’ di recupero.

Al fischio del signor Gabriele Restaldo della sezione di Ivrea ha inizio la ripresa. Dopo appena 70’’ di gioco, Kone scappa via sulla destra e calcia trovando la risposta di Torino.

Al 52’ però il Nola mette nuovamente la freccia, passando in vantaggio. Francesco Alvino fa doppietta. Ben imbeccato da Sannia, il numero 7 di casa entra in area e batte Garau per il momentaneo 3-2 Nola.

Per quasi mezz’ora non accade nulla in campo. Poi al minuto 83’, il Sassari Latte Dolce trova il nuovo pareggio. Scotto si libera agevolmente di Angeletti e calcia realizzando così la personale doppietta in questa sfida. Torino vuole il fuorigioco, l’arbitro indica il centro del campo.

Il Nola è alle corde, al 90’ arriva la rete del 4-3 Latte Dolce. E’ tutto facile per il classe 2000 Pertica: il numero 39, tutto solo sul secondo palo, porta avanti i suoi.

Un incubo per il Nola che non finisce qui.

Al 94’, la prestazione horror dei bianconeri è condita dall’espulsione di Russo, doppio giallo per lui. Rimessa dal fondo del portiere ospite Garau, la lunghissima gittata non impensierisce Russo che, pur ostacolato dal classe 2003 Grassi, riesce ad appoggiare di testa al compagno Torino. L’arbitro però vede una manata di troppo del difensore locale al giovane attaccante ospite: secondo cartellino giallo all’indirizzo del numero 5 in maglia blu e calcio di rigore.

Soddisfazione per il classe 2003 Alessio Grassi che spiazza Torino per il definitivo 5-3 Sassari Latte Dolce. Dopo 6’ di recupero, arriva il triplice fischio.

Gara difficile da commentare, il Nola ha fatto harakiri compromettendo la propria situazione in classifica. Le speranze sono ridotte al lumicino e la retrocessione appare quasi inevitabile, specie dopo questi 90’.

Il Nola come Penelope: tesse e disfa la tela sulla quale tenta di costruire la propria salvezza. Peccato però manchino solo 3 gare e per la formazione nolana non ci sarà Ulisse a salvare la maldestra Penelope bianconera.

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto