Girone HSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Convincente affermazione interna contro il Nardò

Finisce 2-1 la prima gara casalinga dei bianconeri

Il Nola vince e convince. Tra le mura amiche dello “Sporting Club”, privato del proprio pubblico, la formazione di casa si impone sul Nardò con il punteggio di 2-1. E’ stata una gara ben giocata da ambo le formazioni, un Nola compatto è stato padrone del possesso palla per buona parte dei 90’. Il Nardò dal canto suo non è stato spettatore non pagante, gli uomini di Ciullo hanno dato filo da torcere ai padroni di casa anche quando Mileto, ex di giornata, è stato espulso a metà secondo tempo.

Ed infatti sono proprio gli ospiti a creare la prima occasione dopo appena 60’’. Caliendo sbaglia il passaggio favorendo Cristaldi che si invola verso la porta. La conclusione è ben controllata da Cappa.

Al 4’, Corbisiero lavora un buon pallone sulla sinistra e serve Cardone. Buono l’inserimento del numero 10 di casa che calcia trovando la pronta risposta di Petrarca.

Al 10’, proteste ospiti. Da angolo, Van Rasbeeck trova Cristaldi che colpisce di testa. Il centravanti argentino protesta per un ipotetico fallo di mani in area.

La sfuriata iniziale è presto accantonata in favore di una fase di stallo, interrotta al 24’. L’approssimativo passaggio in orizzontale di Caliendo rischia di complicare la vita al Nola. Cancelli recupera e va al centro da Puntoriere, il colpo di testa è fiacco. Tutto facile per Cappa.

La gara si sblocca 3’ più tardi. Sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, Raffaele D’Orsi è bravissimo: il suo colpo di testa in tuffo vale il punto del momentaneo 1-0 Nola.

Nonostante il caldo asfissiante, le due formazioni praticano un buon calcio. Al 40’, il taglio di Angeletti è premiato da Ruggiero. Il terzino nolano non riesce ad impattare il pallone di testa. La risposta del Nardò al 43’, con la conclusione violenta di Cancelli neutralizzata da Sicignano.

Dopo 1’ di recupero, il signor Gregoris della sezione di Pescara fischia due volte. Ad inizio ripresa il Nardò sostituisce l’infortunato Petrarca con Centonze. Il portiere neo entrato esce in maniera avventata sul lancio in direzione Padulano. Il numero 11 supera il portiere in maniera elegante ma non ne approfitta.

Al 62’, il Nardò guadagna il possesso. La palla arriva a Cancelli che calcia senza pensarci con la sfera che sorvola di pochissimo la traversa.

4’ più tardi, il Nola guadagna un calcio di rigore. Il Nola sfonda sulla sinistra grazie all’asse Gaetano – Ruggiero che a sua volta serve Corbisiero. Il classe 2003 punta l’esperto Porcaro che lo affossa in area di rigore. Il signor Gregoris assegna la massima punizione che Figliolia trasforma per il 2-0 Nola.

Al 69’ il Nardò resta in 10 uomini. Francesco Mileto è costretto ad abbandonare anzitempo la contesa a causa di un cartellino rosso diretto. Gli ospiti non si scompongono e al 76’ accorciano le distanze. Sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, Angeletti anticipa Cavaliere ma è sfortunato. Il numero 2 di casa mette nella propria porta la palla del definitivo 2-1.

In coda alla gara due occasioni in favore del Nola. Al minuto 89, contropiede locale con Figliolia che serve Caliendo; il centrocampista colpisce bene il pallone ma Centonze prima e la traversa poi negano la gioia della rete al capelluto numero 4 di casa. Poi al 92’ è Guerra a sprecare una ghiottissima opportunità, fatale un tocco di troppo nel tu per tu con Centonze.

Una prova massiccia del Nola contro un’ottima squadra. Bene titolari e subentrati, la bella prestazione corale vale tre punti pesanti.

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto