Girone HSerie DVN Calcio

Nola 1925 – Contro il Nardò tre punti sotto l’albero

Il finale di 3-1 chiude il girone di andata

Un ottimo modo per congedarsi dal calcio giocato. La vittoria interna del Nola è un autentico regalo per tutto l’universo bianconero: giocatori, staff e tifosi potranno tuffarsi nel periodo natalizio con il cuore più leggero e sicuramente con tanta soddisfazione.

Opposto ai bruniani c’era il Nardò, squadra tenace e ben organizzata, pericolosa sin da subito. Il merito del Nola è stato quello di non mollare dopo lo svantaggio, mantenendo solidità e mostrando quel carattere tanto agognato nelle prime giornate di campionato.

Pronti via, al 5’, Versienti porta palla indisturbato. Giunto ai 20 metri esplode un destro che si insacca alle spalle di Gragnaniello per il vantaggio ospite.

Il Nola non ci sta e al 25’ Tagliamonte ruba il tempo a tutti ma viene steso in area di rigore. Il signor Catanzaro della sezione di Catanzaro assegna il tiro dagli 11 metri. Sul dischetto bomber Gennaro Esposito non sbaglia ristabilendo la parità.

Il Nardò non riesce a reagire. Al 35’ Tagliamonte viene servito in area da Troianiello, il colpo di testa del giovane attaccante termina di poco largo.

Prove tecniche di trasmissione per l’avanti classe ’99 che al 40’ firma il 2-1. Cross preciso di Troianiello, nel cuore dell’area il numero 10 bianconero va altissimo e di testa sigla il sorpasso.

Il secondo tempo è una partita a scacchi tra mister De Sarno e mister Taurino.

Al 61’ Paradisone scodella al centro il pallone, Tagliamonte salta ma non trova la doppietta personale.

Al 63’ azione sviluppata sulla destra, Troianiello cerca Esposito che calcia di prima intenzione, fantastica la risposta di Rizzitano che spedisce la palla in angolo.

Il Nola al 72′ chiude i giochi: Paradisone spezza un’iniziativa neretina e fa partire il contropiede gestito da Troianiello, il quale, con una palla illuminante, serve il subentrato Stoia che fa 3-1.

E’ il 75’ quando i granata del Nardò cercano di accorciare le distanze con Arario, la sua conclusione è smorzata in angolo da Gragnaniello.

Al 77’ azione dei padroni di casa con Gennaro Esposito che va alla conclusione trovando solo un calcio d’angolo.

I cambi scandiscono il tempo che manca al termine della partita. Nel primo dei 5’ di recupero, occasionissima Nardò con il subentrato Kyeremateng, il suo tiro da distanza ravvicinata è disinnescato in grande stile da Gragnaniello.

Finisce così questa sfida.

Il Nola va in vacanza con tre punti in più regalandosi così una posizione tranquilla al termine del girone di andata. Ora sono 2 i punti sopra la zona playout.

 

 

IL TABELLINO

 

NOLA 1925 – AC NARDO’        3-1

MARCATORI: 5’ Versienti (NA), 25’ Esposito G. (NO), 40’ Tagliamonte (NO), 72’ Stoia (NO)

NOLA: Gragnaniello, Paradisone (92’ Esposito G.M.), Anzalone, Del Prete, Colarusso, D’Anna, Troianiello (86’ Milvatti), Vaccaro, Esposito G. (90’ Colonna), Tagliamonte (77’ Madonna), Napolitano G. (60’ Stoia); a disposizione: Capasso, Mazo, Napolitano S., Esposito P. All. De Sarno

NARDO’: Rizzitano; Scipioni (80’ Prinari), Aquaro, Centonze (76’ Sene); Palmisano (80’ Giglio), Versienti, Bertacchi, Arario, De Pascalis; Cordella (62’ Kyeremateng), Mingiano; a disposizione: Mirarco, Lezzi, De Luca. All. Taurino

AMMONITI: Mingiano (NA), Bertacchi (NA), Palmisano (NA), Arario (NA).

RECUPERO: 1’ e 5’

ARBITRO: Gianluca Catanzaro di Catanzaro

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Close
Close