Girone ISerie DVN Calcio

Nola 1925 – Cercola accoglie Nola e Marsala

Il Nola ospita i siciliani, resta il giallo sullo "Sporting"

Una settimana turbolenta ha accompagnato il Nola alla sfida contro il Marsala. A tenere banco la questione stadio, con il botta e risposta a suon di comunicati tra società ed amministrazione comunale. La notizia certa è che si giocherà in quel di Cercola, allo stadio G. Piccolo, alle ore 15 la seconda giornata di campionato.

La prima ed estenuante uscita è andata in archivio con una sconfitta di misura. I bianconeri devono focalizzarsi su quanto di buono creato a Ragusa per affrontare al meglio i Lilybetani allenati da Vincenzo Giannusa. Il Marsala, terzo in classifica la passata stagione dietro Bari e Turris, viene da una cocente sconfitta casalinga per mano del Palermo nonostante un’ottima prestazione: la rete decisiva di Lucera all’87’ ha dell’incredibile dal momento che è avvenuta con la presenza contemporanea di due palloni in campo con clamorosa svista arbitrale annessa.

I siciliani giungeranno in Campania vogliosi di mettersi alle spalle questo tragicomico episodio, per il Nola mister Gianluca Esposito analizza così la settimana trascorsa.

Il trainer Bruniano si è espresso anche sulla questione stadio e sui problemi che hanno impedito al Nola di disputare la prima gara in campionato tra le mura amiche dello Sporting.

Chi ha ben figurato in quel di Ragusa è stato Andrea Sannia, centrocampista classe ’97. L’ex Sarnese si è sbilanciato sul prossimo ma anche sul precedente incontro.

Novità importanti in chiave mercato per Nola e Marsala. La truppa bianconera negli ultimi giorni ha accolto, per ora solo in prova, due nuovi calciatori: si tratta di Angelo Bencivenga, esterno classe ‘91 ex Altamura, Frattese ma anche Parma, e N’Diaye Djiby, centrocampista classe ’94 ex Cremonese, Benevento e Chievo.

Per il Marsala è ai saluti l’importante attaccante Luca Ficarrota: classe ’90 palermitano di nascita e titolare nella sfida contro il Palermo, andrà a rimpolpare il reparto offensivo proprio dei rosanero. Una cessione quasi obbligata così come sottolineato anche dal presidente degli Azzurri. In compenso però è arrivato alla corte di mister Giannusa il giovane difensore classe 2000 Mirko Gallo: vestirà la maglia numero 28.

Tags

Giorgio Lisio

Dopo Calciopoli è cambiato tutto, per me l'anno zero del pallone. Oggi mi emoziona il calcio locale, quel calcio fatto di pochi spicci e tantissima passione, un calcio fatto da pazzi che spendono oltre le proprie possibilità per assemblare la squadra "di paese". Questo è il calcio che mi piace, ruspante, genuino e forse ancora un po' romantico. Questo calcio dovrebbe far parte di tutti noi.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close