Cronaca

Napoli – Truffa Inps, sequestri per 9 mln

Avrebbero percepito indebitamente l’erogazione mensile di pensioni di invalidità e di indennità di accompagnamento. Per il gip del tribunale di Napoli si sarebbe configurato il reato di truffa ai danni dello Stato, avendo evidenziato un sistema di frode ai danni del’Inps. 93 le persone che risultano indagate, nei confronti dei quali è stato eseguito un sequestro di beni per circa 9 milioni di euro.

Si tratterebbe di soggetti residenti a Napoli, e nei comuni di Villaricca, Quarto, San Giorgio a Cremano, Marano, ma anche a Sant’Angelo dei Lombardi, Trieste, Porto Sant’Elpidio, Reggio Emilia e Cesena. Nei loro confronti eseguito il sequestro di 54 immobili, 4 veicoli e disponibilità finanziarie a loro riconducibili, per un valore complessivo pari a quanto illecitamente percepito dal 2004 ad oggi.

Le indagini relative all’operazione odierna, hanno riguardato pratiche istruite dall’ASL Napoli 1 Centro e dalla Prima Municipalità del Comune di Napoli, ed avrebbero fatto emergere che quasi nessuna delle 93 persone destinatarie del provvedimento, avrebbe mai presentato al distretto di appartenenza, una regolare domanda di riconoscimento dello stato di invalidità, né sarebbe mai stata sottoposta a visita medica da parte della competente Commissione. Solo in pochi casi ci sarebbe stata la visita medica ma con esito negativo, e successivamente sarebbero stati costruiti ex novo, verbali attestanti l’invalidità.

Benefici economici che avrebbero permesso di ottenere, nel periodo monitorato 2004-2013, importi varianti tra i 100mila e i 150mila euro.

L’operazione di oggi si inserisce in un’ampia attività investigativa, coordinata dalla Procura di Napoli, che dal 2009 ad oggi avrebbe generato l’emissione di 580 misure cautelari con il sequestro di beni per 34 milioni di euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto