PromozioneVN Calcio

Mariglianese – Forza 4 contro il Cimitile

Ancora una doppietta per Laureto, ennesima affermazione esterna

La Mariglianese cala il poker contro il Cimitile, al “Magnotti” di Cicciano la gara termina 4 a 1 a favore degli ospiti che sostengono la corsa delle compagini presenti in zona playoff.

LA PARTITA

Parte forte la Mariglianese, oggi in maglia rossa, ma la compagine di Galluccio si difende bene e risponde colpo su colpo animando un inizio gara frizzante ed agonistico. Col passare dei minuti esce bene la squadra ospite, forte di un miglior bagaglio tecnico e di più esperienza: è grossolana la dinamica che porta al gol del vantaggio, col duo D’Avanzo – Liparuli poco scaltro ad allontanare i pericoli, e sul traversone di Altea proprio il difensore classe 2000 insacca alle spalle di Napolitano, beffato dal proprio compagno di squadra.

Il Cimitile accusa il colpo, e 4 giri di lancette più tardi la Mariglianese raddoppia: il solito Altea da calcio piazzato suggerisce bene per La Marca, l’incornata del capitano trova Napolitano pronto ma approssimativo sul disimpegno, e bomber Laureto si fa trovare puntuale per il tap in vincente. Ventesima rete del campionato, e parte così l’ennesima giornata di grazia come vedremo nella ripresa.

Prima del duplice fischio, D’Avanzo è costretto alle cure mediche per uno scontro di testa che risulterà decisivo: il numero 5 abbandona la contesa anzitempo e verrà medicato con punti di sutura.

Nei secondi 45 minuti il copione del primo tempo continua a svilipparsi: dopo qualche prima schermaglia ed i bianchi abili a tenere botta complice anche qualche lettura offensiva poco efficace, la Mariglianese prende definitivamente il largo.

Il tre a zero arriva al minuto 68, con Laureto coraggioso a tirare dalla distanza e Napolitano vittima di un clamoroso errore di lettura per la sfera che termina in rete. Segnatura numero 21 per il giocatore col 9, per un campionato che si prepara ad un finale in crescendo.

I granatieri non hanno più nulla da perdere, alzano il baricentro e provano qualche percussione a testa bassa: Di Meo guadagna la sufficienza piena entrando a referto a quindici dalla fine, confezionando una bella girata in area che si insacca alle spalle di un inoperoso Smaldone, poco coinvolto durante l’intero corso dei 90 minuti. Prestazione volenterosa per il numero 10 che poco può incidere nel bilancio definitivo.

Perché poi gli ospiti tornano a ristabilire le distanze, valorizzando gli ingressi dalla panchina: al 79′ Somma è l’esecutore ultimo di una bella azione sul lato destro del fronte d’attacco impreziosita da un velo di Laureto a smarcare l’esperto centrocampista.

Resta ben poco da giocare, e dopo cinque di recupero giunge il triplice fischio. Bella affermazione per la Mariglianese che mette da parte le polemiche scaturite dalla giustizia sportiva e concretizza tre punti fondamentali per restare in scia alla zona play-off. Per il Cimitile sconfitta indolore, aspettando i risultati della domenica, il margine sulla zona play-out è di un confortante +5.

IL TABELLINO
CIMITILE – MARIGLIANESE 1 – 4

CIMITILE: Napolitano, Ambrosino, Perrella (65′ Russo), Altieri (70′ Cittadino), D’Avanzo (45′ Russo), Liparuli (90′ De Simone), Di Benedetto, Aprea, Di Benedetto, Di Meo, Ardolino (81′ Caccavale). A disposizione: Capasso, Iovino, Moccia, Iovino. Allenatore: Angelantonio Galluccio
MARIGLIANESE: Smaldone, Valletta, Falco, Alfieri (73′ Banco), Giannino, Amoroso, Altea (79′ Torinelli), La Marca (45′ Somma), Laureto, Visone (81′ Delli Carpini), Russo (60′ Mele). A disposizione: Cerciello, Pignetti, Cirino, Graziano. Allenatore: Alessandro Monda
GOL:33′ D’Avanzo (C) autorete,75′ Di Meo (C), 37′ e 68′ Laureto (M), 79’Somma (M)
AMMONIZIONI: Di Meo (C), Alfieri, Somma (M)
ESPULSIONI:-
RECUPERO:2′ 1°T, 5′ 2° T
NOTE: Gara giocata al “Magnotti” di Cicciano, circa 200 spettatori, 80 al seguito della squadra ospite

Tags

Giandomenico Piccolo

Redattore, conduttore del Telegiornale e di Videonola Sport.

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close