Girone HSerie DVN Calcio

Girone H – Sorpasso in vetta con Sorrento capolista, cade il Brindisi

Il paso falso esterno della pugliese favorisce i campani

Caldeggiato nel corso della scorsa settimana, è arrivato l’avvicendamento in vetta alla classifica del girone H di Serie D.

I RISULTATI

Complice di questo sorpasso il Fasano: trasferta indigesta al “Vito Curlo” per il Brindisi, che esce sconfitto per due reti a zero. La gara si decide nel secondo tempo, precisamente al 3° minuto, Russo svetta sui difensori del Brindisi su un’azione da calcio d’angolo e di testa supera Lacirignola, portando il Fasano in vantaggio. Gara in cassaforte alla mezz’ora: Lanzone si invola sulla fascia destra e dopo aver percorso 20 metri palla al piede fa partire un cross sul quale Gaetani, di testa, non lascia scampo all’estremo difensore avversario, per il due a zero che resisterà al triplice fischio.

Il Sorrento intanto compie il colpo gobbo ai danni del Taranto, ed anche il Casarano, vincendo, si porta a quota dieci in coabitazione con i costieri. Gol ed emozioni in quel di Gravina; pronti-via gli ospiti mettono la freccia: conclusione di Mincica, deviazione beffarda di Pagkratis che spiazza l’estremo difensore di casa, autorete che vale lo zero ad uno. Pochi giri di lancette ed arriva il raddoppio, con una rovesciata di gran carriera siglata da Sansone alle spalle dell’estremo difensore avversario. Il Gravina è in bambola, e solo in avvio di ripresa riesce a produrre gioco pericoloso: al 56′ il rigore realizzato da Gjonaj riapre la contesa. La reazione del Casarano è rabbiosa ed arriva l’uno a tre definitivo sugli sviluppi di un calcio d’angolo, grazie al lesto subentrato Favetta che di fatto chiude i giochi per il primato dei rossoblu.

In zona playoff, uno scontro interessante è quello animato da Altamura e Bitonto. Favori di pronostico per i padroni di casa, che trovano la sconfitta contro gli arrembanti bitontini. Apre la carrellata di gol il Bitonto, con il tap-in vincente di Petta al 9′. Ospiti letali mezz’ora dopo, punizione dai 30 metri di Sirri, rasoterra beffardo sul primo palo, che beffa Bozzi ed è 0-2. La ripresa si apre col ritorno dell’Altamura: angolo dalla destra, sbuca Croce che coglie il montante, sulla ribattuta il più lesto è Errico, zampata che vale l’1-2. Nei minuti finali arrivano due rigori: il primo per gli ospiti, con capitan Lattanzio che sigla l’1 a 3, il secondo per i locali, con Guadalupi che non sbaglia, spiazza Figliola e referta il 2 a 3 definitivo.

Prosegue la crisi del Cerignola, stavolta è il Molfetta a prendersi i tre punti con lo score di due reti ad uno. Eppure la gara si era messa bene per gli ospiti, nel primo tempo al 35′ Tedesco porta in vantaggio i suoi battendo Tucci in uscita. Nella ripresa c’è il ritorno prepotente del Molfetta Calcio: nel giro di cinque minuti, prima la punizione di Caprioli poi il tracciante di Mingiano dai venti metri regolano gli avversari di giornata per la conquista dell’intera posta in palio.

Spartizione equa e parità tra Francavilla e Lavello: nel derby regionale, il primo tempo assiste al vantaggio gialloverde con Liurni al 24′. La ripresa vede il Francavilla determinato a far sua la gara, nel giro di tre minuti prima Nolè ed a seguire Cappiello portano il punteggio provvisorio sul 2 ad 1. Alla mezz’ora, la rete per gli ospiti di Longo fissa il pari sul 2 a 2 con la partita che non subisce ulteriori capovolgimenti sino al fischio finale.

In chiusura, parliamo di Fidelis Andria contro Picerno: gli ospiti rimontano lo svantaggio iniziale e si portano a quota sette, staccando proprio i padroni di casa. Nel primo tempo Mati Cristaldi sigla il vantaggio per i locali. L’attaccante argentino, in piena area di rigore, raccoglie una palla proveniente da calcio d’angolo e insacca da pochi passi. Il Picerno si concede un tempo di pausa e nella ripresa sale in cattedra: al 67′ errore in uscita di Zingaro, Esposito recupera la sfera e la piazza nell’angolino alla sinistra di Anatrella. Bomber Esposito ancora protagonista due minuti dopo: si procura il calcio di rigore e lo batte segnando l’uno a due. Picerno che si complica la vita ma nonostante tutto riesce a prendersi l’intera posta in palio, Fidelis Andria deludente per non aver retto il vantaggio iniziale.

Giandomenico Piccolo

Redattore, conduttore del Telegiornale e di Videonola Sport.

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds