Senza categoria

Esecuzione a Melito ucciso in un ristorante il boss Vincenzo Nappi

Ritorna a sparare in pieno giorno la camorra, come non succedeva da un po’ di tempo. oggi pomeriggio poco prima delle due, killer in azione in un ristorante di melito dove a morire sul colpo  è vincenzo Nappi, nell’ambiente malavitoso meglio conosciuto come o pittore. L’agguato in un ristorante, vicino a via lavinaio, mentre l’uomo era seduto a tavola. Terrore tra i pochi clienti presenti nel locale, rimasti inerti a seguito degli spari. Nappi è ritenuto dagli investigatori affiliato al clan Amato-Pagano, gli Scissionisti di Secondigliano che ormai da a tempo hanno scelto Melito come quartier generale. Immediato l’intervento dei carbieniri sul posto che coordianti dalla Direzione Distrettuale Antimafia non escludono nessuna pista. la prima fra tutte ad essere battuta è un’evetule epurazione interna considerate le modalità dell’omicidio, avvenuto in un luogo che per Nappi era considerato ‘sicuro’. Nappi era stato arrestato nel 2011 dopo tre mesi latitanza, perché sfuggito a un blitz dei carabinieri, ma era attualmente libero. Uomo di fiducia del boss Mariano Riccio, genero del superboss Cesare Pagano, e bersaglio di Carmine Amato. Secondo le tetimonianza di alcuni pentiti su nappi pendeva una condanna a morte in quanto considerato tra i fedelissimi del boss e a capo del  giro di soldi di Mariano Riccio.

Articoli correlati

Back to top button