CittàCronacaVN Notizie

Ercolano – Mazzette per sanare abusi edilizi: in manette luogotenente della Municipale

“Induzione indebita a dare o promettere utilità e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici” sono le accuse nei confronti di un agente della Polizia Municipale del comune di Ercolano, e di un geometra, per i quali è stata eseguita questa mattina dai Carabinieri del gruppo di Torre Annunziata un’ ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della Seconda Sezione della Procura.

L’agente della Municipale nell’esercizio delle sue funzioni, con la collaborazione di un libero professionista di sua fiducia, avrebbe offerto a privati cittadini prestazioni volte a risolvere o a regolarizzare situazioni di abuso edilizio, in cambio di un corrispettivo in denaro.

L’attività avrebbe garantito, di volta in volta, il dissequestro delle opere abusive ovvero la celere trattazione di pratiche volte alla regolarizzazione di abusi edilizi. Un provvedimento, quello eseguito questa mattina, che arriva in seguito ad una complessa attività d’indagine, avviata nel mese di ottobre del 2020

“Quanto accaduto non ammette scusanti e non tollereremo che atti del genere restino impuniti. Parallelamente all’inchiesta penale, anche l’amministrazione avvierà un procedimento disciplinare per fare chiarezza sul comportamento del dipendente” ha reso noto il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto rimarcando come Il rispetto della legalità resti un elemento fondante della propria azione Amministrativa “Il comando dei vigili anche in questa occasione ha dimostrato dì avere gli anticorpi per isolare chi si è reso protagonista dì presunti comportamenti contrari alla legge” ha sottolineato Buonajuto.

 

Articoli correlati

Back to top button