CronacaVN Notizie

Covid Hospital Boscotrecase – Il punto della situazione dopo quasi 3 mesi di attività

Era il 15 marzo scorso quando nel pieno dell’emergenza sanitaria che avrebbe costretto il nostro paese al lockdown, l’ospedale Sant’Anna di Boscotrecase veniva convertito, nell’arco di poche ore a Covid Hospital. Una conversione, avvenuta in tempi strettissimi, necessaria al fine di accogliere i pazienti affetti dal Virus provenienti dai pronto soccorso dell’ASL Napoli 3 arrivando, solo nei primissimi giorni a doverne ricoverare 12 in una terapia intensiva allestita, d’emergenza, all’interno del blocco operatorio.

Da allora sono trascorsi quasi 3 mesi e oltre 70 sono stati i dimessi, poiché guariti, dal Covid Hospital dove tutti i casi positivi sono stati seguiti a 360 gradi. Risultati importanti che hanno permesso di dissipare così, in breve tempo, i dubbi scaturiti da quella repentina conversione di marzo ed evidenziati soprattutto da parte dei primi cittadini dei comuni serviti dall’ospedale.

Oggi la struttura ospedaliera boschese è un punto di riferimento regionale e nazionale nella lotta al virus.

Un presidio ospedaliero all’interno del quale numerosi sono stati i reparti attivati nelle ultime settimane, dalla terapia intensiva all’emodinamica.

Una serie di reparti che continueranno a permettere di offrire un’assistenza completa ai malati Covid ma, allo stesso tempo, di quanti pur non avendo contratto il virus avranno necessità di usufruire di queste specialistiche.

Inoltre il Comitato Etico Campania Sud, lo scorso 21 maggio, ha dato il suo consenso all’ avvio della sperimentazione per l’uso di plasma a scopo terapeutico.

Tags

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close