CronacaVN Notizie

Coronavirus – primi casi a Torre Annunziata

Anche Torre Annunziata registra i primi casi di positività al coronavirus. Nella fattispecie a risultare positivo al tampone è stato un uomo di 82 anni residente al confine con Pompei e Boscoreale ed attualmente ricoverato all’ospedale di Boscotrecase. L’uomo, però non è l’unico caso, infatti anche la moglie di un dipendente comunale oplontino è risultata positiva Covid-19, ed attualmente anch’ essa si trova in cura presso il nosocomio boschese. Ai familiari della donna, che risiede a Torre del Greco, poiché asintomatici, non sarà fatto il tampone, come da protocollo dall’ASL, ha specificato il sindaco Vincenzo Ascione, ma saranno ugualmente messi in quarantena obbligatoria.

Il primo cittadino di Torre Annunziata, dove nelle scorse notti è stato effettuato il trattamento di sanificazione delle strade, per far fronte all’emergenza ha inoltre, in questi giorni, decretato oltre alla chiusura, temporanea, di alcuni uffici comunali, per permettere il completamento delle operazioni di sanificazione, anche la sospensione del servizio di sosta a pagamento, sul territorio cittadino e la chiusura dell’oasi ecologia. Inoltre il sindaco, in seguito alla decisione presa dall’ASL NA3 di adibire l’ospedale Sant’Anna di Boscotrecase a riferimento per i casi accertati o sospetti di Coronavirus con conseguente chiusura del pronto soccorso, ha proposto al presidente della regione Campania Vincenzo De Luca di allestire un presidio di primo soccorso negli ambienti dell’ex ospedale di Torre Annunziata, attualmente adibito a Centro Salute Mentale.

La chiusura del pronto soccorso boschese ha però messo in affanno quello dell’ospedale San Leonardo di Castellammare, unico presidio presente nella zona. Un tema sul quale è intervenuto anche il sindaco stabiese Gaetano Cimmino che ha affermato “il flusso sempre più elevato di pazienti, in arrivo a Castellammare ha richiesto l’adozione di misure e accorgimenti per fronteggiare in maniera ancor più adeguata l’attuale emergenza” che si è anche soffermato sull’operato delle forze dell’ordine che in questo periodo sono impegnate a far rispettare le norme istituite dal decreto ministeriale dell’ 11 marzo e sullo scellerato comportamento di taluni individui.

Tags

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close