Cronaca

Cimitile – Vetri rotti ed incendio, vandalizzato l’istituto “Guadagni”

Vetri rotti e un rogo che ha reso inagibile parte dell’atrio e dell’impianto elettrico dell’istituto comprensivo “Carlo Guadagni” a Cimitile. Ignoti si sono introdotti nella tarda notte di ieri all’interno dell’istituto, dando fuoco a due scaffali, le cui fiamme hanno reso inagibile il plesso per il normale svolgimento delle lezioni di questa mattina.

Secondo le prime ricostruzioni, l’azione dei teppisti sarebbe cominciata intorno le 02.00, quando ignoti, presumibilmente ragazzi, si sarebbero introdotti nell’edificio attraverso le finestre retrostanti il plesso, dando lentamente fuoco ai due scaffali presenti nell’androne, liberando così un forte e sgradevole odore di fumo nell’aria del circondario. La situazione di criticità è stata scoperta solo all’apertura dei cancelli del “Guadagni”, quando il personale ausiliario, all’apertura dell’istituto, ha scoperto il grave episodio, e resosi conto della gravità dei fatti, ha subito allertato le forze dell’ordine e la dirigente scolastica.

Inoltre è stato constatato che i teppisti, oltre al rogo, hanno procurato vari danni all’estetica del plesso Guadagni, distruggendo finestre ed anche alcune inferriate e al di fuori dell’istituto.

Oltre alla zona dell’atrio e del perimetro, fortunatamente non sono state interessate altre aree dell’istituto; la dirigenza, nella persona della dottoressa Pasqualina Nappi, ed il primo cittadino del comune cimitilese, Nunzio Provvisiero, hanno ritenuto opportuno la sospensione delle lezioni per permettere i dovuti accertamenti di rito; inoltre, il sindaco si è subito attivato per dare il via in tempi brevissimi ai lavori di ripristino del plesso.

La direttrice Nappi ha subito manifestato delusione e avvilimento per quanto accaduto questa notte presso il “Guadagni”, trovando nel palese degrado culturale le ragioni che hanno mosso questo deprecabile gesto.

L’istituto potrà riaccogliere i bambini e gli insegnanti presumibilmente nella giornata di martedì, quando un nuovo sopralluogo potrà dare il placet alla ripresa delle lezioni dopo aver accertato il completamento dei lavori di tinteggiatura e di idoneità dell’impianto elettrico.

Nel mentre, continuano le indagini dei Carabinieri di Nola, che, agli ordini del maggiore Michele Capurso, cercano i responsabili della bravata, che, viste le modalità dell’evento, a cui non ha fatto seguito nessun episodio di furto, è stato qualificato presumibilmente come una bravata di alcuni giovinastri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto