AcerraCastellammareCittàCronacaMariglianoNolaOttavianoPomiglianoPompeiSomma VesuvianaTorre AnnunziataTorre del GrecoVN Notizie

Campania – Ordinanze ad hoc per contenere l’esuberanza del tifo napoletano

Un’ordinanza ad hoc per garantire festeggiamenti in sicurezza ai tifosi del Napoli anche per i comuni della Provincia di Napoli. I sindaci hanno seguito a ruota quella che è stata l’ordinanza madre, emessa da Gaetano Manfredi, primo cittadino del capoluogo di Regione. 

Nell’area Nolana – Vesuviana e nella zona Torrese – Stabiese, i sindaci hanno seguito fedelmente le indicazioni imposte, vietando la vendita ed utilizzo di bevande in bottiglia, lattine, contenitori in vetro, plastica rigida e tetrapack. Consentita la commercializzazione di bevande alcoliche solo ed unicamente in bicchieri di plastica leggera o di carta, dalle ore 12 del 30 Aprile alle 12 del Primo Maggio. L’attenzione è stata posta anche sull’uso di materiale pirotecnico. Divieto di vendita ed utilizzo di fuochi d’artificio, petardi, botti, razzi e artifici contenenti miscele detonanti ed esplodenti.

Particolare caso ad Ercolano, dove il sindaco Ciro Buonajuto è stato costretto a blindare il Vesuvio. L’iniziativa di un gruppo di tifosi che sta cercando di raccogliere fondi per l’acquisto di un ingente numero di fumogeni per simulare una gioiosa eruzione del vulcano, è un rischio troppo grande per la flora e la fauna dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio

Da monitorare anche la situazione dei comuni provvisti di un presidio ospedaliero. In questo caso, l’ulteriore provvedimento informa del divieto di fermata e sosta, con rimozione forzata e revoca di eventuali parcheggi riservati e a pagamento nelle strisce blu, nel raggio di 200 metri dai presidi ospedalieri con Pronto Soccorso. 

L’inosservanza dell’ordinanza è punita con una sanzione pecuniaria che va da Euro 25 a  Euro 500, fatta salva, ove il fatto assume rilievo penale, la denuncia all’Autorità Giudiziaria.

Articoli correlati

Back to top button