EconomiaEventiVN CulturaVN Notizie

Campania – Covid, chiusura per le discoteche, mascherine obbligatorie per la movida

Giro di vite per la movida. Con l’ordinanza firmata ieri dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, scatta da oggi il divieto di organizzazione per le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali simili, anche all’aperto, oltre l’obbligo di indossare la mascherina dalle 18 alle 6 del mattino, nei luoghi attorno cui gravita la vita notturna dei giovani, anche qui senza discriminare tra attività al chiuso o meno.

Distanziamento sociale totalmente assente, controlli latenti ed aumento dei casi tra i giovanissimi sono stati le gocce che hanno fatto traboccare il vaso. Le misure saranno valide per ora fino al 7 settembre. Entrambe sono state richieste a gran voce dopo l’aumento esponenziale di casi da Coronavirus in tutta Europa, ma le misure hanno fatto storcere, e non poco, il naso, non solo ad imprenditori e associazioni di settore, ma anche ai cittadini.

Le associazioni del mondo dello spettacolo, infatti, già da giorni erano sul piede di guerra, con l’inflazionata questione sollevata dall’opinione pubblica già da diverse settimane, in merito l’opportunità di riapertura delle discoteche, vista l’imperizia di tanti giovani che, noncuranti delle misure anti-contagio, hanno affollato soprattutto a Ferragosto i locali della movida in Campania ed in tutta Italia.

Il Sindacato locali da ballo, infatti, parla di danno non inferiore ai 4 miliardi di euro. Una misura inattesa, che ha aggravato il già complicato scenario nazionale, dove il 70% delle discoteche, viste le restrizioni, aveva già scelto di non riaprire per la stagione estiva 2020. E tanti gestori sembrano addirittura non voler escludere il ricorso alla giustizia amministrativa, con parecchi che hanno già dato mandato ai propri legali di indagare sul possibile ottenimento di una sospensione dell’ordinanza.

Resta comunque la dura spallata al mondo dell’entertainment. Il Governo, con in prima linea il Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, ha fatto sapere di essersi subito attivati per includere già nel “decreto Agosto” un fondo di sostegno per gli imprenditori della movida.

Ma oltre il palese danno economico che sicuramente deriverà a gestori ed imprenditori, a sollevare dubbi è stata anche l’intempestività della misura, attesa certamente in maniera preventiva rispetto il picco di presenze atteso per Ferragosto, e non certamente da applicarsi dopo il 15, con le presenze che andranno via via a diminuire col passar dei giorni.

E tanti dj, vocalist, addetti ai lavori, hanno in queste settimane alzato puntualmente la voce, a questo punto critici anche sulla decisione-madre della riapertura delle discoteche stesse, ritenuta a questo punto inopportuna.

Un’analisi postuma che continuerà a far discutere anche nei giorni prossimi, dato che con la nuova ordinanza, presumibilmente sarà ancor più pressante la presenza delle forze dell’ordine in prossimità dei luoghi della movida per evitare assembramenti e vigilare sui trasgressori senza mascherina.

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close