Girone GGirone HGirone ISerie DVN Calcio

Calcio – Serie D: Le ultime 9 giornate possono confermare o ribaltare le gerarchie dei gironi centro meridionali

Solo 9 appuntamenti alla fine del campionato regolare nei gironi G, H ed I della Serie D. Le classifiche appaiono ben delineate: bagarre promozione e lotta salvezza possono regalare sorprese per un finale di stagione imprevedibile. 

Partendo dal girone G, il big match di giornata è senza dubbio il derby Nocerina – Cavese. Rivalità accesa e storica tra i tifosi di Nocera Inferiore e Cava de’ Tirreni: rossoneri e metelliani sono le prime della classe, con la Cavese in testa dalla 6^ giornata. La Nocerina ha scalato la clsssifica grazie ai 9 risultati utili consecutivi, 7 vittorie e 2 pareggi. 9 lunghezze a separare molossi e aquilotti, “S. Francesco” chiuso agli ospiti. L’Ischia ha raccolto 14 punti nelle ultime 6 giocate, 4 vittorie e 2 pareggi; un trend che vale il momentaneo quinto posto in classifica. Al “Mazzella” arriva l’Anzio, formazione laziale impelagata nei bassifondi dell’aggregato, alla ricerca di punti salvezza. Il San Marzano invece sarà impegato in trasferta, sul campo del Trastevere, per uno scontro diretto di media – bassa classifica. 32 punti in 25 gare per i blaugrana di mister Zironelli, 30 per il Trastevere e poca distanza sul blocco playout. Vincere è imperativo se si vuol dare una scossa in vista del rush finale. Infine il Gladiator che al “Piccirillo” di S. Maria Capua Vetere si scontrerà con la Boreale. Terzultima contro ultima: inutile ribadire l’importanza di questa gara per i nerazzurri. I tre punti in palio valgono doppio e il Gladiator può centrare l’obiettivo.

Proseguendo con il girone H, la Paganese vuole continuare a fare bene. Il ruolino di marcia dei ragazzi di mister Agovino è soddisfacente e pone basi per un roseo futuro. Prima però c’è da concludere questa annata: il prossimo step degli azzurrostellati è la trasferta di Andria contro la temibile Fidelis quarta in classifica che nelle ultime 10 giocate ha raccolto 18 punti proprio come la compagine di Pagani. Gelbison – Matera è un’altra sfida interessante: i cilentani non hanno vissuto una stagione convincente. Il Matera invece veleggia nella parte alta della graduatoria. I rossoblu di mister Erra devono vincere per tentare di agganciare il treno playoff. La Palmese non perde da 8 partite a testimonianza di uno stato di forma eccellente che fa della compagine rossonera allenata da mister Grimaldi la sorpresa del girone di ritorno ma soprattutto un’avversaria complicata per tutti. Anche per il Barletta che sarà ospitato al “Comunale” di via Querce a Palma Campania. I pugliesi, dopo i proclami di inizio campionato, oggi sono in zona playout e lottano per non retrocedere. Si tratta dunque di uno scontro diretto, da 1X2, per la permanenza in D. In casa Angri, ha salutato mister Nello Di Costanzo; al suo posto il ritorno di mister Stefano Liquidato. Il tecnico baianese era stato allontanato dopo 16 partite ed una media di 1,44 punti a partita. Il banco di prova è quello dei più complicati, in casa contro la capolista Team Altamura. Il fanalino di coda S. Maria Cilento ha una trasferta decisiva per il finale di stagione: scontro diretto salvezza in quel di Gravina. I cilentani, a quota 20 punti, hanno un ritardo di 5 lunghezze dai pugliesi che in casa hanno perso solo 2 volte. 

Infine per il girone I, il Portici è fermo ai box per il turno di riposo. Il Casalnuovo sfiderà il Canicattì tra le proprie mura amiche. Il fortino “Iorio” può essere l’asso nella manica di mister Raffaele Esposito.

Articoli correlati

Back to top button