Cronaca

Boscotrecase – Scovate armi da guerra: 3 arresti

 

BOSCOTRECASE – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 3 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione di armi e munizionamento da guerra, oltre che di violazione degli obblighi della sorveglianza speciale.

Le indagini partono nel 2016, a seguito del ritrovamento, durante un’operazione giudiziaria, di un mitragliatore kalashnikov e un ingente quantitativo di munizioni da guerra.  Il tutto era occultato in un terreno incolto di via Sepolcri, a Boscotrecase, storica roccaforte del clan “Gallo – Limelli – Vangone”, a poca distanza dall’abitazione di Andrea Vangone, attuale reggente del sodalizio camorristico.
Le indagini hanno permesso di accertare la riconducibilità delle armi a Bernardo Fattorusso e Fabio Carpentieri, contigui al clan, che al momento del controllo dei Carabinieri erano presenti nell’abitazione di Andrea Vangone insieme a quest’ ultimo. I 3, all’arrivo dei Carabinieri, avevano tentato di disfarsi frettolosamente delle armi. Ad aggravare la posizione di Andrea Vangone e Fabio Carpentieri, la circostanza che entrambi all’epoca dei fatti erano sottoposti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto