CronacaVN Notizie

Boscotrecase – Covid Hospital: L’Asl smentisce chiusura della rianimazione

L’unico ospedale Covid dell’ASL Napoli 3 sud rischia la chiusura della terapia intensiva. Una notizia circolata nelle scorse ore, con il possibile stop causato dall’esiguo numero di medici anestesisti presenti presso la struttura, alla quale ha fatto seguito l’Immediata smentita dell’Azienda Sanitaria.

Da Via Marconi, oltre a spiegare come alcuni sanitari abbiano lasciato l’ospedale “Poiché vincitori di un concorso al policlinico di Napoli”, hanno illustrato che “Per far fronte alla carenza degli specialisti, in queste ore si sta perfezionando un accordo con anestesisti provenienti dall’Asl Napoli 2 Nord in regime di autoconvenzionamento che garantiranno le ore necessarie”.

“Venerdì 26 febbraio si concluderà invece il concorso per l’assunzione di 15 unità destinate sia ad alcune strutture ospedaliere aziendali che al nosocomio boschese”.

Per mantenere inalterato il livello del servizio offerto dal Covid Center, dove i pazienti ricoverati in sub intensiva sono circa una trentina destinati a breve ad aumentare “Un reparto che – come sottolineato dal direttore Marziani – è impensabile possa esistere in un ospedale Covid senza terapia intensiva” l’ASL ha chiesto il supporto di tutti le risorse presenti nell’azienda per tamponare le momentanee criticità emerse presso la rianimazione della struttura ospedaliera dovute alla carenza di medici anestesisti.

Articoli correlati

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto