PoliticaVN Notizie

Baiano – Con De Mita partono i Forum della Politica

Ciclo di incontri ad opera del circolo "L'Incontro" in vista delle elezioni del 20-21 settembre

È il Popolarismo, la cultura politica, che si rapporta alla realtà e alle imponenti sfide poste dal Terzo Millennio; realtà e prospettive, attraversate dalle dinamiche di cambiamenti profondi negli assetti degli equilibri geo-politici internazionali, ove riflettono trasformazioni imponenti e diffuse negli scenari economici e dei sistemi produttivi innervati nelle logiche dell’internazionalizzazione dei mercati.

I FORUM DELLA POLITICA

Questo il punto d’attacco dell’intervento dell’on.le Ciriaco De Mita, che ha aperto nella Corte del palazzo comunale a Baiano i Forum della Politica, il ciclo di pubblici convegni organizzato dal Circolo socio-culturale L’Incontro, in vista della tornata elettorale del 20-21 settembre; punto d’attacco, su cui l’ex-presidente del Consiglio dei ministri, innestava la storia politica della Democrazia cristiana, con la presentazione di proprie liste di rappresentanza in tutta la Campania per le elezioni regionali di settembre prossimo. Un progetto che viene presentando su tutti i territori con il fervore forte di chi crede nelle proprie idee e la grande passione dei “ragionamenti” che gli è tanto cara e peculiare.

Una storia importante, per la quale alla Dc va riconosciuto il merito di essere stato il partito e il motore della trasformazione e della modernizzazione della società italiana, concorrendo in modo attivo e proficuo allo sviluppo e alla diffusione della democrazia plurale, aperta ed emancipatrice nella libertà dei ceti meno abbienti; un ruolo di centralità sociale, svolto in coerente continuità con gli ideali del Popolarismo, la cui impronta essenziale è nel pensiero e nell’azione di don Luigi Sturzo d’inizio ‘900. Corrente che si coniuga con l’Europeismo della Dc che con De Gasperi contribuisce fortemente a far porre le pietre angolari del progetto dell’Europa comunitaria. Progetto ad ampio respiro e coesione, la cui rilevanza costituisce il dato ormai irreversibile e irrinunciabile per tutti i 27 Paesi-Stati, che ne formano la compagine nel Parlamento di Strasburgo. E nel Terzo Millennio- evidenziava il sindaco di Nusco- l’unico e fondamentale riferimento per ciascun Paese-Stato non può essere scisso dalla crescita e dal consolidamento dell’ Unione europea e delle sue Istituzioni.

Sottolineate la storicità e l’attualità del Popolarismo, l’ex-presidente del Consiglio, ne focalizzava il metodo, basato sull’esercizio della dialettica del possibile che si nutre di pensiero, promuovendo e favorendo il dialogo costruttivo, con cui la politica assolve la propria funzione ch’è quella di dare soluzione ai problemi reali, nel segno bene comune. “Chi pensa che la politica è comando- affermava De Mita- non realizza nulla. Dobbiamo abituarci a dialogare. La discussione è dialettica”. E’ la traccia su cui si colloca quale valore primario lo spirito della comunità da riscoprire e affermare, uscendo dalle gabbie dei deteriori particolarismi e degli egoismi fini a se stessi.

LE PROSPETTIVE DEL VOTO

Sul legame tra cultura e visione politica del Popolarismo soffermava il medico Giuseppe Rosato, cardiologo, già direttore generale dell’Azienda ospedaliera “Moscati” di Avellino, candidato alle “Regionali” per Prospettiva popolare. Un legame da rigenerare e rivitalizzare, dando impulso e sostegno alla formazione e all’affermazione di una classe politica e dirigente responsabile e competente; e il banco di prova delle prossime “Regionali” è un’importante opportunità, a fronte degli obiettivi del Recovery fund lanciato e finanziato dall’Unione europea; obiettivi, la cui realizzazione richiede grandi capacità di conoscenza, competenza e di servizio. Era la premessa, con cui Rosato focalizzava il positivo lavoro dai presidi della sanità pubblica in Campania, per fronteggiare e contenere al meglio la crisi Covid-19; una premessa necessaria, per evidenziare le importanti e significative opportunità che offrono le risorse comunitarie europee del Mes, per ben potenziare e strutturare adeguatamente il rapporto tra i territori e i presidi della sanità del Servizio pubblico.

Tags

Giandomenico Piccolo

Redattore, conduttore del Telegiornale e di Videonola Sport.
Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

Close
Close