Cronaca

Angri – Tributi, scadenza Tari e proroga Soget

Pagamento del saldo della Tari e proroga riscossione tributi alla Soget per altri sei mesi. Sono le ultime novità in materia di tributi decise dal dirigente responsabile del settore Programmazione e Risorse del Comune di Angri. L’Ente angrese si avvia a completare l’iter di riscossione della Tari per il 2015, racchiuso in tre rate con quella di saldo prevista per il prossimo 16 gennaio. Dunque in arrivo per i cittadini angresi nuove bollette il cui invio costerà all’Ente 12mila euro. Dovrebbe essere di oltre 1 milione e mezzo di euro l’incasso previsto e già preventivato in bilancio tenendo conto di una prudente svalutazione di quasi 400mila euro con 75mila euro di tributo provinciale. Questo l’aspetto puramente tecnico, ma quello che ha lasciato perplessi e la nuova proroga concessa alla Soget per la riscossione spontanea e coattiva dei tributi Tosap, Icp, Dpa e Tarig. La decisione è stata adottata dalla responsabile del settore che ha concesso una proroga tecnica del contratto del 12 novembre del 2009, stipulato con la Soget prima per la sola riscossione dell’affissione e pubblicità e poi allargata alla riscossione dei tributi. Una decisione avvenuta nel 2011 che ha generato una trafila giudiziaria culminata con una sentenza di assoluzione con formula dubitativa.

In campagna elettorale il sindaco Ferraioli aveva manifestato la volontà di allontanare la Soget dalla città, ma dopo sei mesi l’Ente ha concesso ancora una proroga, la seconda dall’insediamento, che la porterà a svolgere il servizio fino al prossimo 30 giugno. Una scelta che sarebbe stata fatta dagli uffici per motivi di opportunità temporale, e per una questione di economicità pratica.

Una decisione che va vista sotto l’aspetto tecnico e non politico, perché la prerogativa di questa amministrazione è quella di non interferire sulle attività dei settori, ma di valutarne l’operato, anche se la voce Soget e il legame con l’Ente angrese, rappresenta un motivo di imbarazzo per l’attuale amministrazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close