VN Cultura

Angri – San Giovanni e la città: esposizione della statua

Nel folklore religioso la festa di San Giovanni Battista è certamente una delle più emblematiche. In occasione del solstizio estivo, celebrato seguendo ancora l’antico calendario “Giuliano”, la notte che precede il 24 giugno, si festeggia San Giovanni il “Battista”.

Nella cultura tradizionale, la sua testa decapitata viene simboleggiata dal sole che espandendo i suoi raggi come “benefiche” appendici insanguinate, conferirebbe proprietà rigenerative all’acqua del mare, dei fiumi, delle fontane, persino alle gocce di rugiada, infatti le piante aromatiche e medicinali vengono raccolte in questa giornata. L’intero spazio temporale dell’aurora, quindi, è saturo di significati simbolici e diventa occasione per stringere legami di comparatico tra amici “fraterni”, l’acqua è il veicolo del rituale.

Angri vive la festa, la città si prepara per festeggiare il suo santo patrono, la collegiata ha tracciato l’inizio del cammino verso la festa patronale. L’intronizzazione, termine arcaico per definire l’atto di far sedere in trono, funzione con la quale, in una famiglia o in un luogo, si benedice e si espone al posto d’onore un’immagine sacra. Questo quanto avvenuto domenica scorsa nella chiesa madre della città.

La statua del battista ha lasciato la sua nicchia per essere deposta sull’altare maggiore, per essere vista e venerata dai tanti fedeli, che rinnovano il percorso di fede.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close
Close