Cronaca

Angri – Nomina D’Aniello, si spacca FdI

Un assessore in quota della coalizione del vice sindaco D’Ambrosio, per ottemperare ai patti pre-ballottaggio. Il sindaco Ferraioli ha nominato assessore al Commercio, Arredo urbano, Attuazione del programma, Comunicazione e Innovazione, Maria D’Aniello, ex portavoce di Fratelli d’Italia e candidata alle ultime elezioni con 127 preferenze. Il suo nome circolava da tempo ma non in maniera condivisa. Infatti era stato oggetto di scontri verbali a distanza con l’attuale commissario cittadino Armando Lanzione, che ha sempre considerato D’Aniello il nome di riferimento di Antonio Squillante. Uno scontro di posizioni all’interno di un partito che in Consiglio è rappresentato da Antonio Mainardi, mentre D’ambrosio e Lanzione sono i consiglieri delle altre due civiche. Per il sindaco Ferraioli ”sono stati mantenuti i patti, due consiglieri su tre erano d’accordo sul nome della D’Aniello”, e quindi nel pomeriggio di oggi ha pubblicato il decreto di nomina, ricomponendo a sei la Giunta, e congelando, forse, definitivamente l’allargamento a sette deciso attraverso la modifica dello Statuto comunale. ”La nomina era la priorità necessaria per completare l’esecutivo ed iniziare a lavorare per risolvere i tanti problemi che interessano la città”.

D’Aniello si è mostrata subito entusiasta di iniziare questo cammino di assessore, iniziando col ricordare a tutti il programma elettorale, il patto sottoscritto con la gente. Vuole conoscere le linee programmatiche dei vari settori, incontrare le associazione dei commercianti per avere un’ampia visione dei problemi. Anche sotto l’aspetto della comunicazione, D’Aniello, cercherà di colmare una carenza evidenziata in questi mesi di amministrazione.

Al di là degli impegni che l’assessorato comporta, D’Aniello ”si sente l’assessore della coalizione al fianco di Giuseppe D’Ambrosio, e onorerà nei fatti l’impegno assunto con gli elettori, prima nel sostenere D’Ambrosio e poi Ferraioli al ballottaggio. Il suo impegno per contribuire al governo della città, al di sopra di ogni polemica”.

Non si è fatta attendere la reazione di Armando Lanzione che in una nota congiunta Fratelli d’Italia e la civica ”Insieme miglioriamo la nostra città”, ha sottolineato ”di non aver mai partecipato ad alcuna riunione politica per concordare la nuova rimodulazione e che il nome del nuovo assessore non è stato mai condiviso con tutte le forze della coalizione D’Ambrosio, né tanto meno rispecchia gli accordi presi nel turno di ballottaggio”. In chiusura la nota stampa chiede al sindaco Ferraioli ”di chiarire pubblicamente l’origine politica delle scelte effettuate e quale sia il reale orientamento politico dell’amministrazione”.

Per il vice sindaco D’Ambrosio ”la coalizione si è disunita sin dopo il primo turno elettorale, quando ci sono stati accordi su due tavoli differenti, riuscendo ad ottenere personalmente la carica di vice sindaco e alcune deleghe, e le liste la promessa del secondo assessore”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia un Mi Piace!


This will close in 30 seconds

error: Questo contenuto è protetto