Cronaca

Torre Annunziata – Arrestati 2 imprenditori che reimpiegavano denaro del clan

I Carabinieri del nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a due Ordinanze di Custodia Cautelare in carcere emesse dal GIP di Napoli a carico di 3 soggetti, legate a vario titolo al clan Di Gioia: 2 ritenuti responsabili di reimpiego di denaro di illecita provenienza e trasferimento fraudolento di valori e 1 di violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, tutti aggravati dal metodo mafioso.

Contestualmente i dell’Arma hanno sottoposto a sequestro preventivo beni mobili e immobili, una agenzia di spettacolo che si occupa di organizzazione eventi ed esibizioni di natura canora gestendo numerosi artisti tra cantanti neomelodici napoletani e famosi cabarettisti campani, nonché attività commerciali e rapporti bancari.

Nel corso di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli i militari dell’Arma hanno scoperto una serie di investimenti immobiliari di due imprenditori di Torre del Greco, padre  e figlio, che tra il 2009 ed il 2011, grazie alle somme erogate loro dal clan, avevano acquistato tre immobili a Torre del Greco.

I due erano anche titolari della suddetta agenzia di spettacolo, che aveva come “clienti” anche la popolazione carceraria di Poggioreale: infatti, alcuni artisti dell’agenzia si esibirono il 28 gennaio 2014 all’interno delle mura della casa circondariale, sempre con l’avallo del clan Di Gioia. Inoltre, i due arrestati ricevevano provvigioni sull’esibizioni degli artisti. Il sequestro preventivo dei beni confiscati dalle Fiamme Gialle dovrebbe assestarsi sulla cifra di circa 1 milione di euro.

Inoltre, la Procura a sottoposto a fermo un soggetto che, dal 2013 ad oggi, si è reso responsabile di ripetute minacce ed estorsioni nei confronti di un titolare di un’agenzia di pompe funebri. L’imprenditore, più volte minacciato di morte e ritorsioni, anche nei confronti dei suoi familiari, aveva più volte denunciato l’uomo ai Carabinieri di Torre Annunziata, cosa che ha portato poi ad altri atti intimidatori da parte del delinquente.

Tags

Articoli correlati

Rispondi

Close