Cronaca

Terzigno – Riciclaggio attraverso compro oro: arrestati due imprenditori

Riciclaggio di preziosi di indubbia provenienza. Con questa accusa, la procura di Nola ha emesso un’ordinanza di arresti domiciliari nei confronti di due amministratori di un gruppo societario operante tra la provincia napoletana e quella casertana, attivo nel commercio dei preziosi. I finanzieri di Ottaviano hanno anche eseguito un provvedimento di sequestro preventivo per equivalente, dell’importo di quasi cinque milioni di euro.

I titolari dei tre esercizi commerciali di gioielleria, a Terzigno e Marcianise, a conduzione prettamente familiare, i due imprenditori hanno effettuato anche l’attività di compro-oro. Secondo l’accusa avrebbero utilizzato l’attività commerciale per riciclare ingenti quantità di oro di dubbia provenienza. Per giustificare l’oro di provenienza illegale, avrebbero provveduto ad alterare le quantità dell’oro lecitamente acquisito e registrato.

Alcune vendite operate da finanzieri in incognito e avvenute presso gli esercizi commerciali gestiti dagli indagati, avrebbero dimostrato come, a fronte di cessioni di poche decine di grammi di oro usato, i titolari delle società annotavano sui registri acquisti quantità che sfioravano il chilogrammo, in modo da poter giustificare l’introito di preziosi acquisiti illegalmente da altre fonti. Allo stesso modo, avrebbero realizzato artifizi contabili per sopravvalutare l’oro di provenienza illecita ricevuto dai privati, registrando acquisti da parte dei fornitori.

Tutto ciò per generare un volume di costi superiore all’effettivo, generando vantaggi anche dal punto di vista fiscale, con l’abbattimento della base imponibile. Dal 2009 al 2012, sarebbero stati commercializzati oltre due quintali di oro, per un valore di €.4.910.972,96. Sequestrati cinque appartamenti a Terzigno e Poggiomarino, l’immobile nel quale è ubicato il centro orafo gestito dagli indagati presso “II Tari” di Marcianise, conti correnti e depositi, quote societarie, autovetture e ingenti quantità di preziosi e monili d’oro.

Articoli correlati

Rispondi

Close