Cronaca

SS 268 – Opere di completamento per 1 mln di euro

Strada Statale 268 del Vesuvio, la strada di interesse per la protezione civile, in quanto via di fuga per i paesi vesuviani nell’ambito del rischio Vesuvio.

Una strada che collega la periferia est di Napoli ad Angri, percorrendo l’area vesuviana a nord del vulcano, fino al raccordo in costruzione con l’autostrada Napoli-Salerno. Un’opera datata risalente agli anni ’90, realizzata a step con una serie di varianti.

I lavori per il completamento del terzo tronco continuano rispettando i tempi del cronoprogramma. Adesso si provvederà al montaggio dei ponti che collegheranno la statale alle viabilità ordinarie dei comuni di Angri, Sant’Antonio Abate e Scafati, mentre nella zona di Ottaviano, si lavora per completare un tratto aumentando la percorrenza a due corsie nei due sensi di marcia.

Esistono problemi per la connessione con le viabilità comunali, problemi conosciuti dai tecnici dell’Anas e dai rappresentati della commissione regionale. Una serie di adeguamenti devono essere realizzati in via Paludicella, la costruzione di rotatorie, di marciapiedi, pubblica illuminazione e rete fognaria nella strada che si collegherà con via Stabia, adeguamento del raccordo tra via Stabia e via dei Goti, adeguamento del cavalcavia di via Tora. Una serie di interventi per un importo stimato di 1 milione di euro.

Lavori da realizzare per rendere effettivamente funzionale l’opera nel suo complesso generale.

Dalla nota del 23 marzo, all’incontro dello scorso 21 ottobre con la Commissione regionale mobilità, alla presenza dei rappresentanti dei comuni e dell’Anas, con i rappresentanti regionali disponibili ad ammettere a finanziamento le opere di completamento.

Da qui la delibera del comune di Angri per chiedere all’Anas la redazione del progetto delle opere di adeguamento da sottoporre a finanziamento.

Articoli correlati

Rispondi

Close