Cronaca

Sperone – Unione, da gennaio operativa la polizia locale

Passaggio decisivo, per dare concretezza attuativa alla delibera della Giunta dei sindaci dell’Unione intercomunale del baianese e dell’Alto Clanio ed approvata all’unanimità tre settimane fa; è il passaggio, che investe direttamente i responsabili dei competenti Uffici amministrativi e finanziari delle Municipalità di Avella, Baiano, Mugnano del Cardinale, Spgerone, Sirignano e Quadrelle, per accelerare le procedure per l’operatività funzionale della Polizia locale, in capo all’Ente di coesione territoriale, aggregando in un’unica struttura le attuali polizie delle sei Municipalità; procedure, che fanno riferimento all’appostamento nel bilancio dell’Unione delle risorse economiche che ciascuna Municipalità destina appunto alla propria polizia.

L’obiettivo della Giunta dei sindaci prefigura l’attivazione della polizia intercomunale ad iniziare dal primo gennaio del 2017. Un obiettivo realizzabile secondo le previsioni, per il quale i responsabili degli Uffici interessati hanno già avviato l’iter formale, nell’incontro svoltosi nel palazzo comunale di piazza Lauro, a Sperone. E’ un’operazione, com’è noto, a costo-zero, considerato che gli agenti delle polizie municipali conserveranno integre e inalterate le posizioni giuridiche ed economiche, di cui sono titolari, nel passaggio all’Unione intercomunale. E va, però, evidenziato che gli attuali organici, che in complesso si aggirano sui venti addetti, sono sostanzialmente sotto dimensionati, tenendo presente che la normativa rapporta l’operatività di un agente di polizia locale per ogni 900 abitanti. E la popolazione dell’Unione intercomunale sfiora già i 30 mila abitanti, con trend d’incremento demografico che interessa da qualche anno soprattutto Avella e Mugnano del Cardinale.

“Con la polizia intercomunale- ha dichiarato il presidente dell’Unione, il sindaco di Sperone, Marco Santo Alaia si dà il primo input alla realtà dell’Unione. In parallelo, procederemo ai servizi che interessano la rete delle scuole del territorio, in ordine alla refezione alimentare e al trasporto su gomma. Con i servizi unificati e l’unicità delle gare d’appalto si conseguiranno risparmi congrui, da investire per elevare la qualità dei servizi stessi”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close