Economia

Sant’Anastasia – Orti sociali coltivati da anziani

Con un apposito bando in via di pubblicazione il 28 aprile prossimo, saranno assegnati a cittadini di Sant’Anastasia dei piccoli appezzamenti di terreno in cui far nascere degli orti sociali, come prevede la legge regionale che riconosce il carattere multifunzionale dell’agricoltura quale contesto favorevole allo sviluppo di interventi e servizi sociali, socio-sanitari ed educativi.

“Accogliendo la proposta del Presidente della Pro Loco dell’Arco, Ciro Fiore, abbiamo individuato nel terreno di proprietà comunale sito in via Madonna dell’Arco, allo stato incolto ed abbandonato, il luogo adatto alla realizzazione di orti sociali – spiega il Commissario Straordinario, dott.ssa Anna Nigro – mediante un progetto sperimentale di valorizzazione dell’agro alimentare locale e di tutela dei valori associativi, destinato alla coltivazione da parte di anziani per ottenere prodotti agricoli a scopo benefico e di autoconsumo”.

Un apposito disciplinare, redatto a cura del responsabile dell’Ufficio Patrimonio, arch. Luigi Pappadia,  prevede le seguenti clausole: la durata della concessione in comodato d’uso gratuito alla Pro Loco dell’Arco dei 3400mq di terreno non è superiore a due anni; l’assegnazione dei singoli orti è destinata a persone con pensione sociale e/o non occupate, nonché ai diversamente abili; gli assegnatari devono essere cittadini di Sant’Anastasia non proprietari di terreni. I lotti in cui sarà diviso il terreno comunale non saranno  superiori a 100 mq e l’area sarà dotata di almeno un bagno chimico e di un ripostiglio per gli attrezzi.

Negli orti è consentita la coltivazione esclusivamente di ortaggi, piccoli frutti (lamponi, mirtilli, fragole, ribes…) e fiori. E’ vietata la piantumazione di alberi di qualunque genere ed i residui vegetali che si intendono trasformare in compost dovranno essere depositati in apposite compostiere o interrati nel proprio orto.

Ciascun anziano dovrà coltivare il suo orto direttamente e con continuità, escluso il periodo delle vacanze, dovrà garantire cura e ordine, mantenendo il terreno naturale anche negli spazi comuni, che possono essere dotati di percorsi interni fatti di ghiaietto o ciottoli di fiume.

Tags

Articoli correlati

Rispondi

Close