Cronaca

Sant’Anastasia – Chiedeva una mazzetta per un appalto, arrestato il sindaco Esposito

Aveva chiesto una mazzetta per l’attribuzione dell’appalto per lo smaltimento dei rifiuti: così è finito in manette il sindaco di Sant’Anastasia, Carmine Esposito, primo cittadino dalla tornata dell’aprile 2010, ora destinatario di un ordine di arresto in flagranza di reato per concussione per induzione.

L’indagine, nata dall’iniziativa dei carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna, con il coordinamento della Procura di Nola, si è sviluppata grazie alla collaborazione che la vittima, il titolare dell’azienda per lo smaltimento dei rifiuti, ha stretto con gli inquirenti, che hanno seguito da vicino tutto l’evolversi della vicenda, dalla richiesta della “rata” mensile da 5.000 euro, fino alla sua consegna.

Gli uomini dell’arma hanno colto in flagrante il sindaco Esposito davanti al centro commerciale “Le Aquile” di Sant’Anastasia, luogo fissato come appuntamento tra il primo cittadino e l’imprenditore. Appena compiuta la consegna, i carabinieri hanno prima bloccato l’automobile del sindaco e poi ritrovato la busta con dentro 15.000 euro, dato che l’imprenditore aveva tre rate arretrate da saldare.

Il denaro è stato sequestrato, mentre proseguono indagini ed accertamenti, volti ad approfondire le responsabilità della vicenda.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close